Politica

Tumori in aumento a Milazzo, interrogazione di Arancio

Il deputato del Pd commenta allarmato i dati dello studio "Sentieri", non c'è ancora un nesso tra inquinamento e patologie

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di MessinaToday

“Vivere in un sito a rischio ambientale comporta un aumento consistente del rischio di malattia e di morte precoce. Lo conferma uno studio  dell’Istituto superiore di sanità che ha divulgato i dati statici dello studio ‘Sentieri’ (Studio Epidemiologico Nazionale dei Territori e degli Insediamenti Esposti a Rischio da Inquinamento). Dati allarmanti che impongono la necessità di individuare strategie di prevenzione e cura”. Lo dice il parlamentare regionale del Partito Democratico Giuseppe Arancio che sul tema ha presentato un’interrogazione.

“Lo studio ha interessato  45 siti d’interesse nazionale (SIN), 4 dei quali si trovano in Sicilia: Biancavilla, Augusta, Gela e Milazzo. Al sito di Gela,  - aggiunge Arancio - è attribuita la qualifica di  “area ad elevato rischio di crisi ambientale’. Nonostante non sia possibile “attribuire un nesso causale di certezza tra eccessi di patologia e presenza di uno o più inquinanti selezionati”  la genesi multifattoriale di alcune patologie presenta un’incidenza estremamente elevata. Non migliora la situazione a Biancavilla, Augusta e Milazzo – continua - dove è stato notato un incremento di vari tupi di tumore. E’ indispensabile correre ai ripari, – conclude il parlamentare Pd -  Il governo regionale ha il dovere di  mettere in atto tutte le politiche indispensabili alla tutela della salute pubblica”. 

Sul Milazzese l'appello di Padre Trifirò 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tumori in aumento a Milazzo, interrogazione di Arancio

MessinaToday è in caricamento