Martedì, 26 Ottobre 2021

Isole minori, al lavoro per stilare il piano integrato di interventi per il sostegno e lo sviluppo

Una giornata di lavoro a Palazzo d'Orleans con i sindaci, assessori e i dirigenti generali dei dipartimenti. Musumeci: “L'occasione per lavorare sulle criticità, ci sono zone dove mancano perfino le fognature”

"Questa è l'occasione per lavorare sulle criticità di chi vive nell'isola dell'isola. Faremo un quadro completo per i trasporti, per l'approvvigionamento idrico, alcune isole non hanno nemmeno le fognature nel 2019. Individueremo le quattro cinque priorità sulle quali già da domani cominceremo a lavorare”. E’ l’obiettivo di un’apposita giornata di lavoro, organizzata dal governatore Nello Musumeci, che si svolge oggi, lunedì 18 novembre nella sede della presidenza della Regione, a Palazzo Orleans. Alla riunione in Sala Alessi sono presenti assessori e dirigenti generali, i primi cittadini dei Comuni, oltre che dell'isola in provincia di Palermo, di Lipari (Marco Giorgianni), Santa Maria Salina (Domenico Arabia), Malfa (Clara Rametta), Pantelleria (Vincenzo Campo), Favignana (Giuseppe Pagoto), Lampedusa e Linosa (Salvatore Martello).

Per la prima volta, un esecutivo regionale è pronto ad avviare un Piano integrato di interventi per il sostegno e lo sviluppo socio-economico delle Isole minori sulla scorta delle segnalazioni di chi quei territori li amministra e di cui conosce a fondo ogni tipo di esigenza: dalle infrastrutture portuali all'edilizia scolastica, dalla mobilità interna ai servizi sanitari. E, ancora, l'approvvigionamento idrico, le reti fognarie, il recupero dei beni ambientali e culturali, i Piani di protezione civile, il fabbisogno energetico e, naturalmente, le strutture turistico-ricettive.

“Fin dall’insediamento, il mio governo - sottolinea Musumeci - ha prestato grande attenzione alle problematiche delle Isole minori. In più occasioni, siamo intervenuti finanziariamente con l’obiettivo di valorizzarle, ma soprattutto per renderle più confortevoli a chi ci vive dodici mesi l’anno e non solamente nel periodo estivo. Io stesso, in questi primi mesi di mandato, ho già visitato personalmente gran parte di queste realtà e mi sono reso conto che viverci ogni giorno non è facile se mancano infrastrutture e servizi essenziali. Ecco perché abbiamo il dovere di intervenire con un Piano organico che serva, finalmente, a dare ai cittadini delle Isole minori le stesse opportunità di chi abita al centro di Palermo, Catania, Messina o delle altre città. La riunione organizzata a Palazzo Orleans serve proprio a questo: ascoltare dai diretti interessati le loro esigenze e programmare gli interventi, con risorse e tempi certi. Sono convinto che per invertire la tendenza basti veramente poco”.

La sanità, il primo argomento affrontato. Con una diffusa esigenza di potenziare i servizi di guardia medica, spesso carenti durante le ore notturne, e di ammodernare le stazioni di elisoccorso. Necessaria, hanno sottolineato i sindaci, anche la presenza di nuove figure professionali, dai cardiologi agli anestesisti, dai pediatri agli infermieri.

Per quanto riguarda le reti fognarie, inesistenti in alcune isole e da completare in altre, ci sarà bisogno di rimuovere eventualmente i vincoli che ne impediscono la realizzazione e di accelerare le procedure per ultimare quelle che ci sono. 

«E' ovvio che noi ci poniamo come interlocutori in termini progettuali e finanziari», ha chiarito Musumeci che, per quanto riguarda il tema della viabilità, è stato categorico nei tempi: entro quindici giorni i sindaci dovranno far pervenire alla Regione le segnalazioni sulle tratte principali di interesse turistico che necessitano di interventi e nei prossimi sei mesi al massimo, dunque prima dell'estate, saranno realizzati i lavori che riguarderanno anche la segnaletica.

Per le altre arterie provinciali, invece, si valuterà se inserire le opere nell'Accordo quadro già esistente o se reperire altre fonti di finanziamento. Oltre cento, invece, i milioni destinati alle infrastrutture portuali. Si tratta di interventi già effettuati o da cominciare a breve. Il primo maggio, invece - ha assicurato il presidente della Regione - potranno essere inaugurate le nuove stazioni marittime, realizzate con strutture prefabbricate, che potranno offrire a chi sbarca nelle isole tutti i servizi di accoglienza più confortevoli e offrire al turista ogni informazione necessaria. «Ci adeguiamo finalmente al resto del mondo», ha detto con un'ironia amara il governatore. La riunione proseguirà nel pomeriggio.

Video popolari

Isole minori, al lavoro per stilare il piano integrato di interventi per il sostegno e lo sviluppo

MessinaToday è in caricamento