rotate-mobile
Politica

Casa Serena, Basile: "Nessun fondo perso, ci sono norme e procedure da rispettare"

Arriva la replica del sindaco alla senatrice Dafne Musolino dopo le accuse sui ritardi per i lavori e il rischio di perdere finanziamenti. Ma l'ex assessore insiste...

"Su Casa Serena la senatrice Musolino sappia che si devono rispettare norme e procedure per potere spendere i fondi extra bilancio, altrimenti, oltre alla mancata realizzazione delle opere, si rischia anche l'eventuale mancata rendicontazione che comporterebbe pure un danno economico all'ente".

Arriva la replica del sindaco Federico Basile sulla vicenda dei lavori a Casa Serena e i ritardi con relativo rischio per i fondi ventilato ieri dalla senatrice Dafne Musolino.

Con una lunga nota Basile rispedito al mittente le accuse di incapacità di amministrare invitando la sua ex assessora a "leggere e studiare”.

"Riproteggere un'opera su fondi extra bilancio diversi non significa perdere i fondi, ma trovare comunque coperture finanziarie che permettono il completamento di un iter che, all'ottenimento del primo finanziamento, ha visto la necessaria redazione della progettazione sismica a seguito degli studi di vulnerabilità - scrive Basile - Una struttura cosi importante, mai stata analizzata, necessariamente è stata oggetto di una fase di indagini e verifiche di vulnerabilità sismiche, per chiari motivi di sicurezza che la senatrice sconosce. L'importo dei 3 milioni, originariamente previsti sui fondi di Agenda Urbana, è quindi obbligatoriamente cresciuto sino a 3.75 milioni di euro per le opere di miglioramento sismico obbligatorie e necessarie, ormai imprescindibili per potere rimettere in funzione la struttura in sicurezza ed avviare le procedure per il progetto di "Manutenzione Straordinaria ed efficientamento energetico di Casa Serena. Tenuto conto che la cifra necessaria per lo stesso non avrebbe avuto copertura nel precedente finanziamento, l'Amministrazione Comunale ha ritenuto di potere utilizzare il finanziamento relativo ai Fondi PNRR - Missione 5 Investimenti 1.1 e 1.3 - sub-investimenti 1.1.2, 1.3.1 e 1.3.2, sfruttando la possibilità di utilizzo delle somme relative alle ristrutturazioni di immobili esistenti, proprio per l'adeguamento della struttura di Casa Serena, che una volta concluso sarà pronto per i successivi lavori. I progetti di adeguamento sono stati aggiudicati".

Casa Serena, Musolino duro contro la giunta Basile: "Fondi persi mostrano l'incapacità dell'amministrazione"

Per il sindaco "riproteggere la realizzazione di un’opera, peraltro così importante come quella di casa Serena, su un’altra forma di finanziamento (legata a motivi di natura tecnica e legislativa) non vuol dire perdere finanziamenti, vuol dire evitare di perdere la possibilità di realizzare l’opera".

"Tutte le fonti di finanziamento - sottolinea il Sindaco - hanno un elemento di base imprescindibile da tenere in considerazione, che è quello che si sta portando avanti con la buona amministrazione. Ovvero, realizzare sul territorio tutte le opere necessarie alla riqualificazione della nostra città fermo restando che non è pervenuto al decreto di definanziamento su Agenda urbana per la quale abbiamo chiesto, d'intesa con la Regione siciliana, di poter utilizzare quelle risorse nel nuovo ciclo di programmazione. Quanto sopra espresso, qualcuno dovrebbe ricordarselo a prescindere dalla campagna elettorale perché faceva parte ancora della mia Giunta. Su Casa Serena la senatrice Musolino sappia che si devono rispettare norme e procedure per potere spendere i fondi extra bilancio, altrimenti, oltre alla mancata realizzazione delle opere, si rischia anche l'eventuale mancata rendicontazione che comporterebbe pure un danno economico all'ente. Viene da pensare che, forse, lei avrebbe derogato, o non osservato, norme sismiche, non avrebbe eseguito indagini e rilievi e non avrebbe previsto adeguamenti strutturali dell'immobile?”, conclude il sindaco.

Non si è fatta attendere la controreplica della senatrice Musolino: "Il sindaco mi accusa di non conoscere le fasi del procedimento. Tuttavia, la sottoscritta ha sollevato legittime preoccupazioni riguardo alla trasparenza e all'efficacia del processo di riprotezione dei fondi. Il fatto che il progetto di adeguamento sismico abbia richiesto ulteriori finanziamenti dimostra che inizialmente c'è stata una sottostima dei passaggi procedurali. La domanda è: perché non si è pianificato adeguatamente fin dall'inizio?".

Per la Musolino "la riprotezione su fondi extra bilancio è una pratica che attesta l’incapacità di un’amministrazione di spendere nei tempi indicati dalle norme dei fondi già assegnati che inevitabilmente vengono persi. Non si tratta solo di trovare coperture finanziarie come afferma con grande superficialità il Sindaco (il compitino che le fanno leggere è mal scritto), qui siamo di fronte ad una revoca di somme assegnate per incapacità amministrativa. Riproteggerle è una affermazione che prova ciò che asserisco altrimenti non ci sarebbe stata la necessità di trovare altre coperture finanziarie.  Il sindaco menziona l'importanza delle indagini di vulnerabilità sismica, un punto su cui nessuno può essere in disaccordo. Tuttavia, ciò che viene criticato è la gestione del processo e l’iter su come questi aspetti non siano stati integrati nel progetto fin dall'inizio".

E ancora: "L'aumento dei costi da 3 a 3,75 milioni di euro prova quanto affermo e solleva domande sulla gestione iniziale del progetto. L'uso dei Fondi PNRR indica che si è dovuto correre ai ripari per il finanziamento perduto. La sottoscritta chiede chiarezza su questo punto ma evidentemente la risposta non può essere data data la incontrovertibilità dei documenti tra cui il decreto di finanziamento della regione sul progetto risalente al 2021. Insinuare che la sottoscritta avrebbe derogato o ignorato norme sismiche è un'accusa grave e infondata che dimostra una sola cosa: l’incapacità di dare una risposta di fronte ad una inerzia talmente grave che ha comportando la perdita di una somma già assegnata e la conseguente inevitabile segnalazione alla magistratura contabile che accerterà fatti e omissioni”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Casa Serena, Basile: "Nessun fondo perso, ci sono norme e procedure da rispettare"

MessinaToday è in caricamento