rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Politica

Lotta alla plastica, M5s: “Dal Ministero contributi ai comuni per ridurre i rifiuti, Messina si faccia trovare pronta”

Argento, Cannistrà e Fusco sollecitano l’Amministrazione comunale a presentare in tempi utili l’istanza per accedere alla misura, qualora non si sia ancora provveduto: “Una grande opportunità per ridurre l’impatto ambientale e incentivare il consumo consapevole, dando così seguito alle iniziative già intraprese per rendere concretamente Messina una città plastic free”

“Il Ministero della Transizione Ecologica ha messo a disposizione dei Comuni specifici contributi per la riduzione dei rifiuti in plastica, con conseguenti futuri sgravi della tassa sui rifiuti”.

A darne notizia, in una nota, sono i consiglieri del M5s Andrea Argento, Cristina Cannistrà e Giuseppe Fusco, che sollecitano l’Amministrazione comunale a presentare, in tempi utili, l’istanza per accedere alla misura, qualora non si sia ancora provveduto.

“Con  il decreto “Mangiaplastica”, il Governo ha promosso l’acquisto di eco-compattatori da parte delle amministrazioni attraverso il riconoscimento di appositi fondi. Si tratta di una grande opportunità per ridurre l’impatto ambientale e incentivare il consumo consapevole, dando così seguito alle iniziative già intraprese per rendere concretamente Messina una città “plastic free”, spiegano i pentastellati, che già a novembre del 2018 presentarono una mozione, poi votata all’unanimità dal Consiglio Comunale, per la riduzione dei rifiuti, il divieto di commercializzazione di buste per la spesa in polietilene e la distribuzione di contenitori e stoviglie non biodegradabili.

“La misura – proseguono - è rivolta alle amministrazioni comunali che acquistano eco-compattatori e macchinari per la raccolta differenziata di bottiglie per bevande in PET, con l’obiettivo di ridurne il consumo e favorirne il riciclo, in un’ottica di economia circolare. Il programma può contare su una dotazione di 16 milioni di euro per il 2021, a cui si aggiungeranno ulteriori risorse fino al 2024. Per accedere ai contributi, compresi fra i  15 e i 30mila euro per l’acquisto di ogni eco-compattatore, è però fondamentale procedere tempestivamente alla presentazione delle istanze, dato che le richieste saranno valutate secondo l’ordine di presentazione e sino ad esaurimento dei fondi disponibili. Per questo – concludono – chiediamo all’Amministrazione se abbia già provveduto a presentare la domanda, o in alternativa di procedere con urgenza alla richiesta del contributo in considerazione dell’imminente scadenza, fissata a 30 giorni dalla pubblicazione del decreto sulla Gazzetta Ufficiale”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lotta alla plastica, M5s: “Dal Ministero contributi ai comuni per ridurre i rifiuti, Messina si faccia trovare pronta”

MessinaToday è in caricamento