rotate-mobile
Domenica, 3 Luglio 2022
Politica

Consiglio comunale, Croce farà parte dei trentadue

Il candidato sindaco del centrodestra ha deciso di accettare l'incarico che la legge gli conferisce come secondo, per Forza Italia (in attesa di ufficialità sul premio di maggioranza a Basile) solo un seggio. A Montalbano elicona invece Filippo Taranto si è già dimesso

A meno di sorprese Maurizio Croce farà parte dei 32 consiglieri comunali. Il candidato sindaco del centrodestra risultato secondo al termine delle elezioni dietro Federico Basile di Sicilia Vera per legge potrà ricoprire l'incarico in aula. A distanza di pochi giorni da una prima fase di riflessione Croce oggi si dice propenso a sedere sugli scranni di Palazzo Zanca. A Forza Italia (sempre se il premio di maggioranza andrà alle liste di Sicilia Vera) un solo seggio. 

Consiglio comunale, la possibile ripartizione dei 32 seggi

Otto i seggi previsti al momento per il centrodestra e uno di questi sarà occupato da Croce come fu nel 2018 per Dino Bramanti sempre candidato sindaco del centrodestra, quattro al centrosinistra e venti alle liste di Sicilia Vera ma tutto è legato, in attesa della commissione elettorale centrale, all'assegnazione del premio di maggioranza al neosindaco perché i numeri potrebbero cambiare a vantaggio delle altre due coalizioni che salirebbero da 12 a 18 circa contro 14 per il movimento di Cateno De Luca. Tutta un'altra maggioranza dunque. 

In provincia invece c'è chi non intende accettare la carica di consigliere di minoranza dopo le ultime elezioni per la sindacatura. A Montalbano elicona l'ex primo cittadino Filippo Taranto ha deciso di abbandonare da subito il consiglio comunale: "Le attività professionali condotte dal sottoscritto presso la sede del Policlinico Universitario di Messina non permettono la partecipazione costante dello scrivente alle attività che saranno svolte da parte del Consiglio Comunale; a quanto sopra si aggiungono ulteriori e irrinunziabili impegni di carattere strettamente personale; a tal file, si ritiene opportuno poter investire della carica altri soggetti che possano assicurare un’attività costante per lo svolgimento delle funzioni che il Consiglio è chiamato a svolgere". 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Consiglio comunale, Croce farà parte dei trentadue

MessinaToday è in caricamento