Metroferrovia, su organizzazione e servizio De Domenico vuole risposte

Interrogazione del deputato Pd all'assessore alle Infrastrutture Falcone. Chiede notizie sull'aumento delle corse e sulle risorse da utilizzare

Il deputato regionale Franco De Domenico

Il dimezzamento delle corse subite dal servizio di metroferrovia, anche in funzione del limitato utilizzo dei mezzi ferroviari, è al centro di un'interpellanza urgente dell’onorevole Franco De Domenico all’assessore Regionale alle Infrastrutture e alla mobilità Marco Falcone.

Il parlamentare del Pd evidenzia come, a fronte dei significativi livelli di efficienza del servizio di collegamento urbano "risulta scarsamente utilizzato dall'utenza principalmente per due motivi, innanzitutto, perché privo di un sistema di raccordo con il servizio di mobilità urbana erogato dall'Azienda Trasporti di Messina che, viceversa, risulta ingiustificatamente sovrapposto nel percorso e, secondariamente, ma non meno importante, in ragione della onerosità del prezzo del biglietto, che potrebbe essere eliminata attribuendo al sistema tariffario della metroferrovia di Messina le medesime agevolazioni tariffarie previste per l’area urbana di Palermo, nonché per il tratto che collega il capoluogo all'aeroporto di Punta Raisi".

Inoltre, per il deputato "sarebbe fondamentale la realizzazione di un piano di intermodalità e di integrazione tariffaria tra i servizi dell'Azienda Trasporti di Messina e quelli della metroferrovia, così come succede in quasi tutte le città metropolitane italiane, che permetterebbe di realizzare un efficiente sistema di mobilità urbana, e di razionalizzare la spesa pubblica nel settore, evitando inutili sprechi. Fra l’altro lo stesso Contratto di servizio, sottoscritto il 9 aprile 2018, relativo al trasporto pubblico ferroviario di interesse regionale e locale prevede che le parti si debbano impegnare a predisporre "entro il 2019 un programma di incentivo all’utilizzo del trasporto pubblico, non solo ferroviario, ma anche per la valorizzazione dei servizi sia ferroviari che di trasporto pubblico su gomma (ad esempio titoli integrati), anche attraverso l’individuazione di forme di agevolazione in relazione a parametri che valorizzino le politiche sociali della Regione" . Prevede inoltre che le parti si debbano impegnare a sviluppare “un progetto di evoluzione del sistema tariffario che, anche attraverso soluzioni tecnologiche di bigliettazione elettronica, consenta di implementare sistemi di tariffazione integrati tra i diversi vettori di trasporto pubblico e/o di attuare meccanismi di tariffazione differenziati – ad esempio per prodotto e/o servizio – allo scopo di favorire utilizzi più efficienti dell’offerta nell’ambito di un modello integrato modale della stessa nonché di servizi collaterali alla mobilità, come ad esempio sosta e parking, car-sharing, bikesharing".

Infine  è previsto che “le parti si impegnano a definire, con il coinvolgimento degli enti di programmazione competenti, il progetto di integrazione modale dell’intera offerta di trasporto pubblico locale a Messina, considerando anche il collegamento con la Penisola", mentre il comma 3 dello stesso articolo specifica che "obiettivo di tutti i progetti orari dovrà essere un modello di esercizio di trasporto integrato multimodale che, realizzando le necessarie sinergie tra i soggetti Tpl operanti nel territorio di riferimento, modernizzi il sistema della mobilità per i residenti, caratterizzi il contesto ambientale e ne potenzi l’offerta turistica".

Insomma, ciò che si chiede – afferma De Domenico - è scritto nel contratto di servizio e considerato che il settore della mobilità rappresenta uno degli ambiti di maggiore importanza in relazione al tema della vivibilità e della sostenibilità ambientale dei contesti urbani, la città di Messina necessiterebbe, non di una riduzione degli investimenti, come quella realizzata da Trenitalia, in relazione al servizio della metroferrovia di Messina, bensì di una più razionale ed efficiente organizzazione, affinché il contratto di servizio non sia considerato un libro di buone intenzioni ma un impegno giuridicamente vincolante tra le parti e conseguentemente da un lato la concreta applicazione di quanto previsto dallo stesso (e quindi l’immediato ripristino delle 28 corse) e dall’altro una reale collaborazione tra i diversi attori del Tpl, (Regione, consiglio comunale, sindaco, Atm, Trenitalia e parti sociali), al fine di ottimizzare le “invero scarse” risorse a disposizione.

In conclusione, De Domenico intende sapere dall’assessore: "quali servizi siano stati implementati da Trenitalia a fronte della riduzione del numero di corse della metroferrovia di Messina; se ritiene di intervenire presso Trenitalia per ripristinare il numero di corse originario; se, in aderenza al contratto di servizio, intende promuovere un tavolo di confronto tra i diversi attori del Tpl, finalizzato alla realizzazione di un piano di intermodalità e di integrazione funzionale e tariffaria tra Trenitalia e l'Azienda Trasporti Metropolitana  di Messina; se, infine, sono previste a tal fine risorse adeguate all’obbiettivo".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Paura a Nizza di Sicilia: tentano di rapire una bimba, messi in fuga dalle urla della nonna

  • La salma di Giuseppe Sorrenti in viaggio, lunedì i funerali alla Chiesa San Francesco di Paola

  • Da Patti al Bambin Gesù di Roma con un volo dell'aeronautica, neonato prematuro verso la salvezza

  • Incidente nella notte in via Catania, muore nell'impatto con un mezzo della Messina Servizi

  • Capo d'Orlando, droga nascosta nei bagni della scuola scoperta dai cani poliziotto

  • Concorso per operatori sanitari e mobilità per infermieri, pubblicato il bando

Torna su
MessinaToday è in caricamento