rotate-mobile
Martedì, 24 Maggio 2022
Politica

Potenziamento delle strutture sanitarie, Amata: "Disponibili 40 milioni per Messina e provincia"

Rilevata la necessità di inserire un ospedale di comunità anche a Patti, mentre a Lipari sarà inserito un centro operativo territoriale e a Montalbano Elicona potrebbe sorgere una casa di comunità. L'annuncio della capogruppo di Fratelli d'Italia

"Nell’ambito del potenziamento delle strutture sanitarie del territorio messinese previste con i 40 milioni dei fondi del Pnrr, che ammontano complessivamente a 800milioni per la Sicilia, in commissione salute ho rilevato la necessità di inserire un ospedale di comunità anche a Patti, mentre  a Lipari siamo riusciti ad inserire un centro operativo territoriale e per Montalbano Elicona, su mia proposta, dovrebbe sorgere una casa di comunità, la cui fattibilità tecnica è alla valutazione degli uffici dell’Asp”. Lo dice Elvira Amata, capogruppo di Fratelli d’Italia all’Ars e componente della commissione salute, che prosegue nell’impegno incessante di rafforzare la sanità pubblica a Messina e provincia.

Per il territorio messinese sono previsti complessivamente oggi 6 ospedali di comunità con 20 posti-letto, 18 case di comunità e 6 centri operativi territoriali. In particolare, gli ospedali di comunità saranno realizzati a Messina, Milazzo, Taormina, Barcellona, Sant’Agata di Militello e, infine, Patti. “Gli ospedali di comunità – spiega Amata - serviranno come rete di collegamento e andranno ad integrare il lavoro degli altri nosocomi”.

Le case di comunità saranno così distribuite: 2 a Messina; poi, Taormina, Barcellona, Milazzo, Lipari, Santa Domenica Vittoria, Roccalumera, Valdina, Novara di Sicilia, Patti, San Piero Patti, Sant’Agata di Militello, Castell’Umberto, Capo d’Orlando, Santo Stefano di Camastra e Mistretta. “E speriamo – sottolinea Amata - come accennato Montalbano Elicona, dove ci potrebbe essere già la disponibilità di una struttura da adibire”. Infine, i centri ospedalieri territoriali saranno a Messina, Milazzo, Taormina, Barcellona, Patti, Sant’Agata di Militello e Lipari. “Le scelte sono state condivise – conclude Amata – da tutti in base anche alla particolare orografia del nostro territorio e alle strutture che l’azienda sanitaria provinciale o in mancanza il comune metterà a disposizione”.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Potenziamento delle strutture sanitarie, Amata: "Disponibili 40 milioni per Messina e provincia"

MessinaToday è in caricamento