Politica

Riorganizzazione del Comune, avvocatura smantellata e quartieri premiati

Nel corso dell'ultimo incontro con l'amministrazione la Uil ha criticato la bozza che prevede un ufficio legale senza figura dirigenziale. Novità per le Circoscrizioni mentre la Cultura accorpata alla Pubblica Istruzione


Chi tutelerà il Comune? L'ultimo incontro, due giorni fa, tra l'amministrazione comunale e i sindacati sulla riorganizzazione degli uffici per effetto del "taglio" di dirigenti e dipartimenti ha confermato che l'Avvocatura di Palazzo Zanca non sarà potenziata ma smantellata. Lo sostiene la Uil che nel corso della riunione ha criticato il piano della giunta sostenendo che l'Avvocatura anziché essere potenziata sta per essere smantellata e relegata a semplice staff di livello non dirigenziale nonostante la legge 247 del 2012 stabilisca che le Avvocature comunali debbano essere dirette da un dirigente avvocato (uno di questi durante l'amministrazione Accorinti fu l'ex comandante della polizia municipale Calogero Ferlisi) con il servizio Contenzioso amministrativo e penale, Contenzioso civile 1 e Contenzioso Civile 2, incardinati al dipartimento Affari generali, devono tornare di pertinenza dell'Avvocatura comunale.

Ma così non sarà secondo l'ultimo aggiornamento al piano di razionalizzazione di dirigenti e servizi voluto dal sindaco De Luca. L'Avvocatura comunale farà riferimento al sindaco insieme all'Organismo di Staff, al Gabinetto del sndaco e all'Unità di progetto: un ufficio speciale per la pianificazione, programmazione, attuazione e monitoraggio dei servizi e delle infrastrutture strategiche. I sindacati hanno richiesto che i dirigenti non siano meno di 10 ma almeno 13.

L'altra novità riguarda le circoscrizioni. Nella prima stesura era stato stabilito un solo Servizio per i Quartieri che faranno parte dell'Area amministrativa che sarà alle dipendenze di Affari generali. Tutte e sei le circoscrizioni avranno il loro ufficio. Nella bozza del nuovo organigramma comunale 2019 risultano marginalizzate a mero servizio amministrativo e inglobati nel dipartimento "Servizi alla persona e alle Imprese" Pubblica Istruzione e Cultura.

L'amministrazione ha dunque confermato nove dirigenti per Organismo di Staff, polizia municipale, Affari generali, Servizi alla Persona e alle Imprese (Area Amministrativa), Servizi finanziari e Servizi Tributari (Area Finanziaria), Servizi tecnici, Servizi territoriali e urbanistici e Servizi ambientali (Area tecnica). Le tre aree faranno capo al Segretario generale. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Riorganizzazione del Comune, avvocatura smantellata e quartieri premiati

MessinaToday è in caricamento