menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il Ponte escluso dai progetti del Recovery Plan, Germanà: "Nessuna volontà di investire al Sud"

Il deputato nazionale del gruppo misto critico con il governo per il mancato inserimento dell'infrastruttura, anche la Gelmini di Forza Italia ha chiesto chiarezza

Il Ponte sullo Stretto escluso dai progetti del Recovery Plan. Per il deputato nazionale del gruppo misto Nino Germanà: "E' un fatto grave ma prevedibile perché questo governo non ha nessuna volontà di investire al Sud usando le risorse per opere infrastrutturali che sono attese da decenni". Germanà è membro della commissione Trasporti e prosegue: "Il progetto del Ponte sullo Stretto è pronto al ministero dei Trasporti: sarebbe bastato inserirlo tra le opere finanziabili per far partire i lavori. Eppure abbiamo ascoltato in queste settimane le parole della ministra De Micheli sulla pista ciclabile del ponte, e il viceministro Giancarlo Cancelleri che addirittura disquisiva anche della possibilità di un tunnel sottomarino. Sarebbe stato più onesto dire agli italiani che con il loro governo il ponte non avrebbe mai visto la luce per questioni ideologiche".

Ieri era stata la federazione autonoma Piccole Imprese a intervenire: "E’ gravissimo che il Governo abbia escluso la costruzione del Ponte sullo Stretto di Messina dall'elenco delle opere finanziabili con il Recovery fund. Ancora una volta, al cospetto di una grossa opportunità di crescita e di sviluppo, viene penalizzato il Mezzogiorno ed in particolare la Sicilia, atteso che tra le opere finanziabili è sparito anche il collegamento Messina-Reggio Calabria fondamentale per agganciare l’Isola all'Alta Velocità - dichiara il presidente nazionale della Fapi Gino Sciotto - siamo costernati – aggiunge il leader della Fapi - dalla decisione assunta da Palazzo Chigi, in quanto affossa definitivamente la ripresa economica nel Mezzogiorno. Il blocco posto alla costruzione delle infrastrutture strategiche, determina minori investimenti da parte delle imprese ed un ulteriore calo del turismo, mentre in questo momento di grave difficoltà economica determinata dalla pandemia, si auspicava un’accelerazione proprio con l’apertura dei cantieri che avrebbero rimesso in circolazione liquidità ed incrementato l’occupazione”. "Attendiamo di leggere le linee guida del governo per il Recovery Fund, però ad oggi le parole di Gualtieri e di Conte sono estremamente generiche. Chi può non essere d'accordo con gli investimenti nel Mezzogiorno? L'esecutivo, ad esempio, vuole realizzare il Ponte sullo Stretto di Messina? Ci dica sì o no". Lo ha detto Mariastella Gelmini, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati, intervenendo a "Radio Anch'io", su Radio Uno. "Al Senato Forza Italia ha presentato un emendamento al decreto agosto, ci auguriamo che i partiti di Zingaretti e Renzi votino questa nostra proposta, perché ad oggi una parola di chiarezza su questa infrastruttura strategica non è stata ancora pronunciata" - ha evidenziato la Gelmini. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MessinaToday è in caricamento