Venerdì, 24 Settembre 2021
Politica Statale 114

Il primo quartiere vuole "staccarsi" da Messina: "Vogliamo un nuovo Comune"

La proposta di un Referendum approvata dal Consiglio. Crottogini: "E' l'unica soluzione per abbattere la burocrazia, dopo anni di elemosine per risolvere i problemi"

Dopo il sesto quartiere, anche la prima circoscrizione vuole dividersi da Messina e formare un comune autonomo. E' più di una provocazione l'idea lanciata dal consigliere Mario Crottogini e votata quasi all'unanimità dal consiglio circoscrizionale. 

L'obiettivo è indire un referendum, sulla scia del "Montemare", il comune che avrebbe dovuto inglobare i villaggi dell'estrema periferia nord della città. Alla base ci sono le solite motivazioni: abbandono, degrado e mancanza di servizi. "E' l'unico modo per abbattere la burocrazia - precisa Crottogini - e smettere di elemosinare interventi. I problemi sono tantissimi, dai pochi bus che raggiugono i villaggi collinari, alla cura del verde e della pulizia fino al malfunzionamento della rete idrica e alla sicurezza del territorio. Non è un'azione contro questa amministrazione, sono anni che chi risiede nella zona sud si sente abbandonato. Chiediamo collaborazione per arrivare al traguardo e poter iniziare un percorso che porti ad un passo avanti a livello di civiltà".

La prima circoscrizione si è quindi rivolta al sindaco e all'assessore con delega alle Circoscrizioni per l'avvio dell'iter che porterà alla eventuale scissione e alla successiva costituzione di un nuovo comune.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il primo quartiere vuole "staccarsi" da Messina: "Vogliamo un nuovo Comune"

MessinaToday è in caricamento