rotate-mobile
Venerdì, 7 Ottobre 2022
Politica

"Un'industria musicale in Sicilia per non far fuggire gli artisti", proposta di legge all'Ars

Al voto in questi giorni a Palazzo dei Normanni l'istituzione di un'agenzia regionale per la promozione della musica dal vivo e in studio. L'istanza nasce da un percorso di confronto congiunto tra Sicily Music Conference, Etnagigante, casa di produzione di Roy Paci, e l’assessorato al Turismo

Dare linfa all'industria musicale siciliana evitando la fuga degli artisti. E' ciò che si prefigge la proposta di legge presentata all'Ars per istituire l'Agenzia Sicilia Live, agenzia regionale per la promozione della musica dal vivo e in studio, un organo dotato di autonomia organizzativa, patrimoniale, amministrativa e contabile.

L'istanza, in questi giorni al voto a Palazzo dei Normanni, nasce da un percorso di confronto e scambio avviato congiuntamente da Sicily Music Conference, Etnagigante, casa di produzione di Roy Paci, e l’assessorato regionale del Turismo, dello sport e dello spettacolo della Regione siciliana. 

Messina: "L'Ars approvi subito la legge"

"Un momento storico che non può essere sprecato per la filiera dell’industria musicale siciliana, dalla produzione e discografia ai concerti live e degli spettacoli dal vivo", dichiara l'assessore Manlio Messina. "A breve - spiega - la norma sarà al vaglio dell'Ars a cui chiediamo di dare un segnale chiaro con l’approvazione urgente per dare operatività ad un settore che ha bisogno di risposte". Per Messina l'istituzione dell'Agenzia Sicilia Live sarebbe ?"una vera rivoluzione per il settore che dopo lo stop forzato, ha bisogno di una qualificata ripartenza anche, finalmente, colmando vuoti istituzionali e prendendo ad esempio altre regioni che già da anni si sono dotate di organi simili come Puglia Sounds, con cui stiamo dialogando".

Roy Paci: "Prendiamo esempio da realtà virtuose"

"Sono qui a metterci la faccia e chiedere al parlamento siciliano di approvare questa legge ed avviare un nuovo percorso necessario per tutto il comparto, prendendo esempio da realtà virtuose che ho visto nascere e fiorire come Puglia Sounds ed il Teatro pubblico Pugliese", dice Roy Paci, l'artista augustano che vive da tempo a Palermo. "Ritengo che sia doveroso, per questa isola ricca di talenti, di festival musicali e di tante professionalità, prendere a cuore questo nostro appello, per rendere concreta questa ripartenza", aggiunge.

L'appello di Sicily Music Conference

All'appello si uniscono i vertici di Sicily Music Conference. "Quando pensammo alla Sicily Music Conference pensammo ad un evento che raccogliesse per la prima volta in Sicilia le figure della filiera musicale per discutere i principali temi del mondo del live e della produzione discografica attraverso gli obiettivi degli Sustainable Development Goals del 2030. Presentando il progetto della Conference nel 2021 chiedemmo alle istituzioni la costituzione di una commissione che supportasse la musica siciliana sul territorio e nel mondo. Ed eccoci qui", affermano Federica Ceppa e Giulio Castronovo, rispettivamente curatrice e responsabile istituzionale Sicily Music Conference.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Un'industria musicale in Sicilia per non far fuggire gli artisti", proposta di legge all'Ars

MessinaToday è in caricamento