rotate-mobile
Politica

Europee, l'ex ministro Provenzano in città: "Riprendere il timone dell’opposizione"

Ieri il dibattito a Santa Maria Alemanna in appoggio alla candidatura di Maria Flavia Timbro, già deputata alla Camera per il Pd

Un momento d’incontro organizzato in occasione della campagna elettorale a sostegno dell’avvocata Maria Flavia Timbro, già deputata alla Camera nella XVIII Legislatura, al quale hanno preso parte gli onorevoli Peppe Provenzano e Calogero Leanza, insieme ad una nutrita delegazione di amministratori locali dlDem, si è tenuto ieri a Santa Maria Alemanna.

“Le campagne elettorali sono dei viaggi: si sa da dove si parte ma non dove si arriva. Noi vogliamo dare centralità proprio al punto di partenza, per questo siamo qui per discutere del rapporto con i territori. La priorità è l’ascolto: un approccio metodologico che vogliamo identifichi il nostro spirito” così Timbro, in corsa per le elezioni europee del giugno prossimo.

Al suo fianco, il deputato regionale Calogero Leanza: “Mi sento come fossi il nono candidato. Sto mettendo tutto me stesso in questa partita”, ha affermato il parlamentare dell’Ars, presente a tutti gli eventi in agenda elettorale.

Un passaggio sui fondi comunitari è stato il cuore dell’intervento dell’avvocata Antonella Russo, membro del consiglio comunale messinese: "Grazie a questi possiamo permetterci investimenti necessari. Siamo convinti che il 40% dei fondi PNRR debba essere destinato al sud anche se questo governo non sembra troppo d’accordo”. La sperequazione e la mancanza di equità sono stati temi centrali del discorso dell’On. Timbro che ha insistito sulla necessità di rafforzare i rapporti con l’Europa, prestando attenzione particolare alle realtà dei piccoli comuni.

“L’Europa non può trascurare invecchiamento e spopolamento delle aree interne: perdiamo popolazione, capitale umano, e non riusciamo a sfruttare poi le opportunità di sviluppo”, ha proseguito Marco Saetti, sindaco di sindaco Casalvecchio Siculo e presidente Unione comuni valle jonica dei peloritani.

“Una necessità concreta è che le amministrazioni lavorino in rete in un’ottica di società coesa”, ha sostenuto Nella Foscolo, vicesindaco di Nizza di Sicilia.

Immigrazione e inclusione diventano la proposta risolutiva alle istanze di contesti che si spopolano per invecchiamento o emigrazione dei più giovani.

“La nostra città metropolitana perde ogni anno migliaia di cittadini che non sempre vanno via per scelta ma troppo spesso per necessità”, ha ribadito Timbro. “La nostra, infatti, è una delle realtà che ha il più alto tasso di denatalitá”, ha evidenziato Gabriele Saporita, presidente del consiglio comunale di Pace del Mela.

Per questo, un valore aggiunto è rappresentato da chi resta e ben conosce il territorio da cui proviene. Questa la sintesi esposta dal consigliere messinese dem, Alessandro Russo nel suo invito al voto consapevole.

Di futuro sostenibile si è fatto portavoce Giuseppe Siracusano, avvocato, imprenditore e vice sindaco di Malfa. “Abbiamo attuato provvedimenti che sono stati impopolari ma questo ci ha permesso di interloquire direttamente con la comunità europea. Siamo isola pilota per un progetto che ci consentirà di essere autosufficienti dal punto di vista energetico entro il 2030”. E alla politica dei modelli virtuosi guarda l’ospite nazionale dell’incontro, l’ex ministro del Sud Peppe Provenzano, il quale non manca inoltre di lanciare un appello alle forze dem del territorio: “Dobbiamo riprendere il timone dell’opposizione senza delegarlo a nessun saltimbanco”.

Altri tra ospiti e rappresentanti degli enti locali hanno voluto portare le proprie istanze in un dibattito che l’Onorevole Timbro ha sottolineato: “Va considerato come un tavolo aperto da aggiornare e mantenere vivo, sempre. Perché questo fa una comunità".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Europee, l'ex ministro Provenzano in città: "Riprendere il timone dell’opposizione"

MessinaToday è in caricamento