Sabato, 18 Settembre 2021
Politica

Festa all'Antonello e brano satirico su Facebook, seconda querela dell'assessore Tringali al consigliere Sorbello

Ancora strascichi giudiziari su quanto avvenuto il 22 febbraio scorso, l'esponente della giunta De Luca e dirigente dell'Istituto ha nuovamente denunciato il politico per una canzone ironica rivolta sui social. Quest'ultimo si riserva di procedere per calunnia

Il consigliere Salvatore Sorbello mostra la querela

Seconda querela dell'assessore alla Pubblica Istruzione Laura Tringali nei confronti del consigliere comunale Salvatore Sorbello. L'accusa di diffamazione contro l'esponente politico è per una canzone satirica dal titolo "Io rustu all'Antonello" rivolta su facebook dopo le polemiche e le denunce per la festa organizzata all'Istituto Antonello il 22 febbraio 2021 per il compleanno dell'assessora, brano che non è piaciuto alla dirigente scolastica. Sorbello e Interdonato avevano segnalato che la festa andava in violazione alle norme di prevenzione dal contagio sul coronavirus e in più avevano acceso i riflettori sulle spese per l'organizzazione e su chi le avesse effettivamente pagate. 

Festa all'Antonello, querelati Sorbello e Interdonato

Sorbello ricevuta la seconda denuncia ha affermato:"Mi difenderò in proprio e nella qualità di consigliere comunale in tutte le sedi, mi riservo di procedere per calunnia nei confronti della querelante posto che non ho commesso alcun reato di diffamazione nei suoi confronti ed in più, avendo ritrovato un post scritto e condiviso dalla stessa nel quale mi diffama pesantemente mi riservo di attivare un'azione civile nei confronti della stessa al fine di ottenere un risarcimento dei danni da donare interamente all'istruzione per finanziaare progetti culturali nelle zone disagiate della città, la mia libertà di critica politica e di espressione non può essere messa a tacere da nessuno, tanto più se si tratta di una nominata politica non eletta dai cittadini che dovrebbe accettare il confronto anziché sfuggire attraverso la costante minaccia dello strumento della querela".

Per le restrizioni sul coronavirus i consiglieri Sorbello e Interdonato avevano chiesto chiarimenti al sindaco su quanto avvenuto con De Luca che aveva dato mandato alla polizia municipale di effettuare indagini su quella festa. Secondo le conclusioni dei vigili urbani sia sotto l'aspetto delle autorizzazioni amministrative per le attività di ristorazione all'interno dell'Antonello che per l'accertamento di violazioni al Dpcm non erano state ravvisate violazioni o confermate prove inconfutabili. Gli atti sono stati trasmessi alla procura per le valutazioni del caso. Da quella festa furono aspre polemiche con tanto di querele tra la Tringali, Sorbello e Interdonato. Per Sorbello è la seconda denuncia per diffamazione. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Festa all'Antonello e brano satirico su Facebook, seconda querela dell'assessore Tringali al consigliere Sorbello

MessinaToday è in caricamento