rotate-mobile
Lunedì, 8 Agosto 2022
Politica

Reddito di cittadinanza, la candidata del M5S alle primarie: "Toglie manovalanza alla mafia, abolirlo è follia"

Così Barbara Floridia, sottosegretaria all'Istruzione, commenta uno dei retroscena che emerge dall'operazione "Vento". Il sussidio "non è solo un validissimo argine alla povertà, ora c'è un motivo in più per difenderlo"

"Il redditto di cittadinanza non è solo un validissimo argine alla povertà, come in queste ore ha certificato pure l'Istat, ma anche uno strumento per sottrarre manovalanza alla mafia e alla criminalità: le recenti intercettazioni dei boss a Palermo parlano chiaro. Anche secondo loro, in sostanza, è difficile reclutare 'picciutteddi' che, grazie al reddito, possono contare su un'entrata sicura senza avere l'acqua alla gola".

I boss di Porta Nuova contro il reddito di cittadinanza: "Non si trovano più picciuttieddi..."

Lo afferma Barbara Floridia, candidata del M5S alle primarie del centrosinistra, commentando uno dei retroscena che emerge dall'operazione "Vento", con la quale sono state fermate 18 persone dopo l'omicidio di Giuseppe Incontrera, ritenuto uno dei capi del clan e freddato con tre colpi di calibro 22 in via Imperatrice Costanza, alla Zisa, il 30 giugno.

“Certo - afferma la sottosegretaria al ministero dell'Istruzione - il reddito di cittadinanza può e deve essere migliorato, ma abolire questo strumento, come chiedono tante forze politiche che continuano a picconarlo, è da folli. Equivarrebbe a gettare sul lastrico tante famiglie e a fare un grandissimo favore alla mafia”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Reddito di cittadinanza, la candidata del M5S alle primarie: "Toglie manovalanza alla mafia, abolirlo è follia"

MessinaToday è in caricamento