rotate-mobile
Martedì, 24 Maggio 2022
Politica

Referendum Montemare, il comitato per il no si organizza: "Si rischiano effetti devastanti per il territorio"

L'associazione nata per scongiurare la nascita del nuovo comune pronta a scendere in campo con eventi, post e interviste che spiegano gli effetti della decisione. "Solo rendendo accessibili e comprensibili le dinamiche di voto ed il progetto Montemare è possibile consentire una scelta informata"

"Faremo del nostro meglio per rendere il Referendum "semplice", spiegandone in maniera diretta e comprensibile meccaniche, impatti, aspetti e contraddizioni di un progetto secessionista che potrebbe avere esiti devastanti per l'intero territorio". E' la promessa del Comitato No Montemare, dopo la notizia che il referendum per il distacco della fascia collinare e costiera tirrenica del capoluogo da Palazzo Zanca con la creazione di un nuovo Comune si svolgerà il 12 giugno insieme alle elezioni comunali e ai quesiti referendari sulla Giustizia.

"Una scelta senz'altro coraggiosa, quella dell'election day - spiegano i responsabili del comitato conbtrario alla "secessione" - che porrà sui Messinesi tante responsabilità, in un solo giorno ed in una sola volta dovranno esprimere la loro volontà sui referendum di riforma della Giustizia, sul candidato a Sindaco, sul Consiglio Comunale, sulle Municipalità e, nondimeno, sulla secessione di 1/3 del territorio Messinese. Una giornata, quella del 12 Giugno che si preannuncia dunque importante per il futuro dell'intero territorio che sarà, decisamente, nelle scelte e nelle mani di tutti i suoi cittadini"

L'obiettivo è che in questa mole di scelte e di informazioni, vogliamo che i Messinesi facciano una scelta consapevole anche con riguardo al Referedum su Montemare "che già per sua astrusa meccanica in riferimento al quorum (conteggiato sue due popolazioni differenti) rischia di essere poco comprensibile ed il suo esito sottovalutato".

Il Comitato per il No a Montemare, mediante post, video ed interviste sulle nostre pagine Facebook ed Instagram  e mediante eventi sia online e in presenza, sono pronti a spiegare nelle settimane che seguiranno gli effetti di un eventuale creazione di un nuovo comune.

"Siamo convinti - spiegano - che solamente rendendo accessibili e comprensibili le dinamiche di voto ed il progetto Montemare sia possibile consentire una scelta informata non solo ai fini del voto ma anche dopo lo stesso in ottica di consapevolezza e definitivo rilancio dei villaggi della nostra città, con la speranza che Montemare diventi ben presto un lontano ricordo, un pericolo scampato ma che dovrà essere monito per il futuro. Ovviamente rimaniamo costantemente aperti ad ogni confronto. In ultimo, un pensiero va ai futuri componenti dei seggi elettorali: presidenti, segretari e scrutatori, i quali si troveranno ad affrontare una sfida senza precedenti in termini di impegno fisico e mentale nonché di complessità delle operazioni dovuta alla moltitudine di votazioni che di certo non renderanno "leggero" l'operato dei seggi".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Referendum Montemare, il comitato per il no si organizza: "Si rischiano effetti devastanti per il territorio"

MessinaToday è in caricamento