rotate-mobile
Giovedì, 1 Dicembre 2022
Politica

Premio di maggioranza in Consiglio in bilico, tra sette giorni la decisione del Tar: sfida legale tra Saitta e Scurria

Il collegio giudicante del tribunale amministrativo potrebbe stravolgere la ripartizione dei seggi e i numeri a sostegno del sindaco Basile, tre i ricorsi in campo

Mancano sette giorni alla decisione del tribunale amministrativo regionale sull'assegnazione dei seggi in Consiglio comunale che al momento vede la maggioranza assoluta a sostegno del sindaco Federico Basile. Il collegio giudicante del Tar sarà lo stesso che nelle scorse settimane aveva decretato al Consiglio del III Quartiere l'elezione di Nunzio Signorino del partito democratico su Alessandro La Rocca di Sicilia Vera.

III Quartiere, il Tar dà ragione a Signorino

All'attenzione dei giudici tre ricorsi che sono stati unificati nella data del nove novembre. Il primo dell'ex consigliere Alessandro Russo che contesta la scelta della commissione elettorale di escludere a monte dal conteggio dei 37 seggi quello di Maurizio Croce come miglior candidato sindaco perdente. Se il Tar dovesse dare ragione a Russo, assistito dall'avvocato Antonio Saitta, andrà a perdere lo scranno Pasquale Currò di Fratelli d'Italia, quest'ultimo costituito in giudizio e difeso dal legale Marcello Scurria (ex presidente di Arisme durante l'amministrazione De Luca) che già sta seguendo l'iter dell'ex deputato regionale Luigi Genovese sull'assegnazione alla Lega (Pippo Laccoto) del seggio all'Ars perso dai Popolari autonomisti legati a Raffaele Lombardo.

Gli altri due ricorsi che contestano invece l'assegnazione del premio di maggioranza in Consiglio al primo cittadino sono stati presentati da Fratelli d'Italia (atti curati da Felice Panebianco e Ferdinando Croce) e dal gruppo vicino a Luigi Genovese. Se il Tar dovesse premiare i ricorsi dell'opposizione la geografia in Consiglio cambierebbe radicalmente. Basile conserverebbe la maggioranza per effetto anche dei passaggi di casacca subito dopo le elezioni comunali ma alla minoranza saranno attribuiti sei seggi in più agli attuali e tolti ai consiglieri che oggi siedono e votano nell'aula di Palazzo Zanca. 

Consiglio comunale, ricorsi sul premio di maggioranza

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Premio di maggioranza in Consiglio in bilico, tra sette giorni la decisione del Tar: sfida legale tra Saitta e Scurria

MessinaToday è in caricamento