Politica

Da giugno stop ai cassonetti, si farà solo la raccolta differenziata nei condomìni

Presentata l'ordinanza del sindaco De Luca che rivoluziona la gestione dei rifiuti e il lavoro degli amministratori delle palazzine. Ecco le nuove direttive da seguire

Da giugno chi abita in condominio non getterà più i sacchetti d'immondizia nei cassonetti. Ogni utente dovrà effettuare la raccolta differenziata in casa. Oggi l'amministrazione comunale ha presentato le direttive che gli amministratori di condominio e gli inquilini dovranno seguire (è l'ordinanza del sindaco De Luca a stabilirlo) pe ridurre la mole dei rifiuti che finisce in discarica (l'obiettivo è il 65% di differenziata entro luglio) e pagare meno soldi di tassa. L'assessore Dafne Musolino ha sottolineato che la raccolta differenziata nei condomini rappresenta la fetta maggiore dell’intera utenza coinvolta. Dal primo giugno i cassonetti dei solidi urbani saranno ritirati e dismessi sull’intero territorio cittadino e sostituiti con i nuovi contenitori per la raccolta differenziata.

“L’ordinanza appena presentata – ha affermato il presidente della Messina Servizi Bene Comune Giuseppe Lombardo – è destinata a tutti gli amministratori di condominio che operano sull’intera città, i quali devono ricevere per conto e nell’interesse del condominio di cui hanno la legale rappresentanza, i contenitori corrispondenti al numero di utenze attive residenti nel condominio amministrato e devono altresì fornire un apposito elenco delle utenze per le quali l’amministratore riceve la consegna degli appositi contenitori. Gli stessi saranno forniti dal gestore del servizio MessinaServizi e concessi in comodato d’uso all’utenza condominiale, la quale dovrà farne uso esclusivamente privato, esponendoli secondo il calendario di raccolta, soltanto nelle aree condominiali precedentemente concordate col gestore del servizio. Nessuna utenza può rifiutarsi di ricevere e gestire in comodato d’uso i contenitori necessari per l’esposizione quotidiana dei rifiuti separati per tipologia - ha proseguito Lombardo - dovranno essere conferiti correttamente ed in mancanza dei requisiti richiesti gli stessi non saranno raccolti dal gestore e sarà applicato un avviso di non conformità; nel caso in cui non si provvede alla differenziazione del rifiuto non conforme ed al ripristino dello stato dei luoghi entro il termine di 24 ore, l’utenza condominiale a cui è stata segnalata l’irregolarità, verrà segnalata agli uffici competenti per la contestazione della violazione".

Gli amministratori condominiali sono tenuti a comunicare al dipartimento comunale Entrate Tributarie i dati dell’anagrafe condominiale e tutte le variazioni che dovessero verificarsi curandone l’annotazione nel registro dell’anagrafe condominiale. La consegna dei kit avverrà molto probabilmente da metà maggio. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Da giugno stop ai cassonetti, si farà solo la raccolta differenziata nei condomìni

MessinaToday è in caricamento