Domenica, 25 Luglio 2021
Politica

Spazzamento rifiuti affidato alla ditta esterna, il Pd chiede l'accesso agli atti: “Amministrazione poco trasparente”

L'istanza dei consiglieri comunali che non hanno reperito sui siti istituzionali informazioni e documenti relativi all'appalto. Le anomalie e gli scontri in vista dell'aumento della Tari

Una richiesta di accesso agli atti sull'appalto alla Dusty per lo spazzamento in città. E' stato presentato dai consiglieri comunali del Pd dopo le polemiche dei giorni scorsi per la bocciatura in Aula dell'aumento della Tari e l'affidamento del servizio spazzamento per un mese alla ditta privata di Catania.

“Da approfondimenti fatti sui siti istituzionali del Comune e della partecipata- scrivono i consiglieri  Gaetano Gennaro, Alessandro Russo e Antonia Russo -  non abbiamo potuto evincere informazioni e documenti relativi a questo affidamento privato, ci siamo visti costretti a presentare formalmente una urgente istanza di accesso agli atti per avere copia di tutta la documentazione relativa agli affidamenti privati finora effettuati dalla Messina Servizi. Ci rammarica non aver trovato sulla sezione “amministrazione trasparente” i documenti relativi a tali affidamenti, e di questo ce ne siamo lamentati direttamente con la segretaria generale del Comune, sia perché è nostro diritto come consiglieri comunali visionare tali atti, sia perché di uguale diritto godono i cittadini e in tal modo a loro viene totalmente precluso”.

Secondo i consiglieri del Pd è “anomalo che prima ancora dell’approvazione del nuovo piano tariffario si riescano a reperire le risorse per procedere ad affidamenti esterni mentre nel frattempo si minaccia il taglio del personale nell’evenienza in cui il Consiglio dovesse nuovamente bocciare l’aumento della TARI che ci verrà riproposta identica dall’Amministrazione”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spazzamento rifiuti affidato alla ditta esterna, il Pd chiede l'accesso agli atti: “Amministrazione poco trasparente”

MessinaToday è in caricamento