Baraccopoli, la Camera discute sulla legge speciale: Scurria in Aula con un pezzo di eternit

In audizione in Commissione Ambiente l'assessore regionale Marco Falcone. In collegamento da Messina anche il sindaco De Luca. Il gesto simbolico del presidente Arisme

Marcello Scurria insieme al deputato Matilde Siracusano

Le baraccopoli di Messina tornano protagonistai in Parlamento. La commissione Ambiente della Camera ha ricevuto in audizione l'assessore regionale alle Infrastrutture Marco Falcone il presidente dell'Arisme Marcello Scurria. Al centro del confronto, a cui ha partecipato in collegamento web anche il sindaco Cateno De Luca, la possibilità di istituire una legge speciale che dia il definitivo via al risanamento cittadino.

E proprio Scurria si è reso protagonista di un gesto altamente simbolico. Il numero uno dell'Agenzia per il Risanamento ha infatti consegnato un pezzo del tetto di una baracca realizzato in eternit al presidente della Commissione Alessandro Benvenuto. "Ho scelto di partecipare di persona - ha spiegato Scurria - perchè è importante che dopo sessant'anni in Parlamento si sia tornato a parlare di questo problema davanti al quale i componenti della Commissione sono rimasti sbalorditi. Ho depositato un dossier di cento pagine affinché tutto venga messo agli atti a futura memoria. C'è assoluta urgenza di avere questa legge speciale che potrà consentire di operare con più incisività su appalti, operazione di bonifica e assistenza alle oltre 150 famiglie delle baraccopoli con problemi di salute. E' stato fatto un passo avanti, nelle prossime settimane seguiranno altre commissioni con tutti gli attori interessati".

"Quella sulla baraccopoli della città peloritana è una priorità - ha detto il deputato di Forza Italia Matilde Siracusano -. Continueremo con serietà e abnegazione il nostro lavoro in Parlamento per raggiungere un obiettivo che non deve avere alcun colore politico ma che può e deve rappresentare il punto di partenza per il rilancio di un’intera comunità”.

Lo scorso 1 luglio, Palazzo Chigi aveva ospitato un incontro tra il  ministro per il Sud Giuseppe Provenzano e i deputati messinesi con lo scopo di arrivare all'emanazione di un testo unico dopo le diverse proposte di legge targate Forza Italia e Pd. Sulla questione è intervenuto anche il parlamentare 5 Stelle Francesco D'Uva: "In Parlamento siamo consapevoli del fatto che sul tema del risanamento delle baraccopoli di Messina la competenza sia regionale e comunale. Ed e' anche per questa ragione che ci tengo a precisare che qui nessuno vuole sovrapporsi al ruolo degli enti locali. È nostra intenzione, invece, affiancare questi ultimi, al fine di risolvere questa sfida incredibile in sinergia tra livelli di governo e nella piena collaborazione istituzionale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Atm, dipendenti in malattia pedinati da un detective privato

  • È morto Dino Privitera, il mondo della cultura e dello spettacolo in lutto

  • Tensione alla Mazzini Gallo, genitori si fiondano dalla dirigente pretendendo il certificato medico di un bimbo

  • Trovato morto il sub disperso a Maregrosso, il cadavere recuperato dalla Capitaneria di Porto

  • Famiglia in isolamento da settimane per il padre positivo al Covid: "Lasceremo casa se i ritardi proseguiranno"

  • Respirava grazie a una presa d'aria collegata alla terrazza, le ultime ore da latitante di Giovanni De Luca

Torna su
MessinaToday è in caricamento