rotate-mobile
Politica

Dalla Siracusano alla Raffa: gli eletti messinesi tra Camera e Senato, così i ritratti tra conferme e sorprese

Cinque donne e tre uomini, tre avvocati su otto, ecco chi rappresenterà lo Stretto e la Provincia nei prossimi cinque anni

Otto i messinesi eletti tra i collegi uninominale e plurinominale tra Camera e Senato e qualcuno come Matilde Siracusano lontano dallo Stretto. Cinque donne e tre uomini, quattro le conferme e quattro le new entry a cominciare da Dafne Musolino, assessore all'Ambiente della giunta Basile. 

Dafne Musolino

Avvocato, non ha mai nascosto le velleità di far politica e con Cateno De Luca e Sicilia Vera nel 2018 ha avuto l'opportunità della vita. L'ex sindaco la indica assessore all'Ambiente in prima battuta e viene riconfermata anche con l'amministrazione Basile. Candidata per Forza Italia alle ultime elezioni Europee con risultati apprezzabili. Prima esperienza al Senato.

Francesco Gallo

Anche lui avvocato come la collega del movimento Sud chiama Nord, ha già una lunga militanza ma più all'ombra della politica messinese. Molto vicino per anni all'ex sindaco Francantonio Genovese era stato Esperto dell'allora presidente della Provincia Salvatore Leonardi prima di sostituire in giunta De Luca l'assessore allo Sport Pippo Scattareggia che si era dimesso in polemica sulla vicenda stadi. Basile premia Gallo a giugno indicandolo come vicesindaco. Adesso il biglietto per Roma. 

Matilde Siracusano

Confermata ma nel plurinominale a Catania, neomamma di Tommaso, la parlamentare nazionale di Forza Italia non nasconde l'amarezza per non essere stata eletta nel collegio di Messina e si sente "tradita" dai suoi concittadini. A lei il merito di aver contribuito negli anni allo stanziamento dei fondi per il Risanamento. Compagna di vita e collega di partito del presidente della Regione Calabria Occhiuto.

Tommaso Calderone

Avvocato penalista, 59 anni, a Barcellona Pozzo di Gotto ha preso in eredità quello che una volta era il feudo del senatore di Alleanza nazionale Domenico Nania. Sul Longano e nel resto della provincia resiste molto bene all'avanzata della corazzata De Luca. Deputato regionale uscente dove è stato il parlamentare più produttivo. 

Ella Bucalo

Esponente di Fratelli d'Italia, riconfermata al Senato grazie ai numeri nazionali del partito, nel messinese non ha avuto la visibilità in questi anni di altri colleghi ma per la seconda volta consecutiva rappresenterà la nostra provincia a Roma. 

Nino Germanà

Terzo mandato nazionale per l'esponente della Lega che alle elezioni comunali sostenne alla luce del sole Federico Basile di Sicilia Vera e non Maurizio Croce del centrodestra con il consenso del partito di Matteo Salvini. Un lungo passato in Forza Italia e Nuovo Centrodestra per il figlio di Basilio che diventa più che mai il punto di riferimento messinese dei leghisti. Dedica la vittoria alla moglie Gea. 

Barbara Floridia

Sottosegretaria all'Istruzione, fedelissima dell'ex premier Giuseppe Conte, resiste a denti stretti nel Messinese al calo di consensi dopo i successi del 2018. Stavolta avrà una sola compagna messinese cinquestelle a Roma. Sconfitta alle primarie del centrosinistra nelle regionali prima dello strappo pentastellato al partito democratico.

Angela Raffa

Ventinove anni, al secondo mandato con i Cinquestelle alla Camera, arriva da Villafranca Tirrena e probabilmente la sua riconferma è una sorpresa visto che anche tra i colleghi del movimento appariva come un'"esclusa". Alle comunali 2022 nel capoluogo aveva indicato come candidato sindaco Domenico Sorrenti del Birrificio Messinese prima della marcia indietro. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dalla Siracusano alla Raffa: gli eletti messinesi tra Camera e Senato, così i ritratti tra conferme e sorprese

MessinaToday è in caricamento