Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Politica Barcellona Pozzo di Gotto

Salvini in piazza a Barcellona si rivolge ai migranti: “Questi non sono i turisti che vogliamo”

Il leader del Carroccio risponde così ai contestatori affacciati al balcone dello Sprar. L'accoglienza “calda” anche a Milazzo

Oltre 150 contestatori lo hanno "accolto" cantando Bella Ciao e con i cori di "ladro”, “buffone”. Anche nella piazza di Barcellona Pozzo di Gotto, Matteo Salvini - arrivato con quasi un'ora di ritardo rispetto la tabella di marcia - ha dovuto fare i conti con la protesta, dopo quella delle Sardine a Palermo. Tra applausi, contestazioni e cartelli di insulti, il leader della Lega, non si è scomposto più tanto. 

Rivolto al balcone di uno Sprar, con manifestanti che contestavano, ha detto: “Questi non sono i turisti che a noi piacciono, questi sono turisti che noi paghiamo, vogliamo invece quelli che ci portano i soldi, che chi portano economia in questa splendida regione che vive di turismo”. Poi rivolto a quelli che lo chiamavano buffone ha rincarato: “Adottateli voi, uno due tre di questi emigranti, anzichè farlo a spese degli italiani stanchi di aiutare i clandestini mentre loro sono in difficoltà”.

Poi ha spostato il tiro su altri argomenti come quello dell' l'Italia che vuole ripartire e ha bisogno di sostegno economico dopo tanti mesi di lockdown. “Aspettiamo provvedimenti reali e concreti e vigileremo affinchè questi soldi arrivino nelle tasche degli imprenditori, degli italiani”.

Tanti dei suoi argomenti oggi sono stati strettamente legati a Messina, anche durante gli incontri nel palermitano. A cominciare dal feeling con il sindaco Cateno De Luca.

"De Luca nostro candidato alle regionali in Sicilia? Dai, quanti anni mancano ancora... - ha detto a Bagheria - E' vero che durante il lockdown ho messaggiato più volte con lui e gli ho dato la mia solidarietà quando ha ricevuto attacchi. Non so se oggi vi sarà un incontro, mai dire mai", ha detto a Bagheria, rispondendo ai cronisti sulla possibilità di candidare il sindaco di Messina alle prossime regionali nell'isola.

E poi il Ponte sullo Stretto. "Le infrastrutture sono fondamentali per il lavoro. Un ponte che unisca Sicilia e Calabria serve all'Italia, ai siciliani ai calabresi. E dà lavoro a migliaia e migliaia di persone".

Salvini, ha preso oggi anche le difese dell'assessore regionale leghista ai Beni culturali Alberto Samonà, al suo fianco nel tour e al centro delle polemiche per le sue poesie giovanili inneggianti alle Ss di Hitler: "Le polemiche sull'assessore alla Cultura? Io mi occupo di lavoro e lotta alla mafia, non di poesia”.

Il leader del carroccio dopo gli incontri di oggi a Barcellona e con i pescatori di Milazzo, domani sarà a Reggio Calabria ma prima potrebbe fare tappa proprio a Messina per un incontro informale con il sindaco Cateno De Luca.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Salvini in piazza a Barcellona si rivolge ai migranti: “Questi non sono i turisti che vogliamo”

MessinaToday è in caricamento