Il ministro Matteo Salvini a Messina per la presentazione itinerante dei progetti infrastrutturali.

“L’Italia dei Sì 2023-2032 – progetti e grandi opere in Italia” è il tema dell’evento che si svolgerà - come anticipato da MessinaToday - venerdì 31 maggio alle 10 al porto, alla banchina Marconi, a bordo della nave Luigi Dattilo. 

Il tema, “L’Italia dei Sì 2023-2032”, è rivolto a sindaci e amministratori, vertici delle associazioni di categoria più rappresentative (soprattutto quelle del settore trasporti e opere pubbliche), esponenti degli ordini professionali, manager delle principali aziende di costruzioni, della logistica, dell’automotive, del trasporto  e delle grandi aziende private e a partecipazione pubblica.

Un ruolo di primo piano nelle intenzioni del ministro svolge naturalmente il progetto Ponte. Il tour è partito dal Nord estendendo poi nel Sud, con tappa obbligata appunto sullo Stretto anche per illustrare il progetto del Ponte e con strascico di polemiche da parte dell'opposizione che hanno tacciato gli eventi istituzionali organizzati dal ministro in giro per l’Italia come una occasione per fare campagna elettorale alla Lega con i soldi pubblici del Mit.

E sulla questione Ponte e le necessità per il Paese è atteso stamani a Messina anche l'incontro con Elly Schlein. La segretaria del Pd arrivata ieri sera in Calabria alla 94esima tappa "di questo giro per l'Italia", torna sul tema dei redditi bassi e quindi sulla battaglia "per il salario minimo", quella contro "la precarietà" aumentata dal decreto del governo Meloni e sarà stamattina al ritrovo NOÀ di Via Castellammare.

In Calabria - ha detto - c'è stato modo "di toccare con mano l'assoluta mancanza di infrastrutture" mentre Meloni e Salvini pensano al Ponte sullo Stretto. "Domani (oggi, ndr) attraverseremo lo Stretto con il traghetto e faremo una diretta per raccontarvi quanti altri progetti sarebbero più urgenti per i cittadini calabresi e siciliani".