Sbaraccamento Camaro Sottomontagna, Gioveni e Cacciotto al sindaco: “Basta annunci”

I due consiglieri sollecitano sollecitano gli interventi. “Tuguri pieni di materiale nocivo e rifiuti vari che stanno esasperando i residenti, occorre passare dalle parole ai fatti”

Libero Gioveni

“Se qualcuno pensa di continuare ad agire annunciando e tenendo tavoli tecnici per placare gli animi per poi non metterne in pratica le risultanze, ha sbagliato di grosso e ne dovrà dare conto e ragione a chi vive in una condizione igienico-sanitaria da terzo mondo!”.

Con queste parole il consigliere comunale Libero Gioveni e della terza Municipalità Alessandro Cacciotto prendono posizione rispetto all’annosa e sempre più irrisolta questione del mancato sbaraccamento di Camaro Sottomontagna, per la quale ne sollecitano ancora una volta una decisa e definitiva risoluzione.

“Dobbiamo purtroppo constatare – affermano Gioveni e Cacciotto – che dalle parole non si è passati ai fatti visto che dopo il tavolo tecnico che avevamo chiesto al sindaco in data 13 febbraio 2020 e che si è svolto il successivo 21 febbraio,  nulla si è mosso  in termini pratici, al netto del periodo legato al Covid. Da allora – proseguono i due consiglieri – si sono susseguiti solo annunci o giustificazioni da parte del presidente di Arisme Scurria (presenza amianto, tempi per la gara di affidamento, reperimento fondi, rischiosa presenza di qualche nucleo a confine delle casupole ecc.) che peraltro contrastano anche con quello che era stato deciso appunto nel tavolo tecnico, dal quale era emersa chiaramente, con l’avallo dello stesso sindaco De Luca, l’improcrastinabile necessità di sbaraccare il più possibile queste strisce di tuguri pieni di materiale nocivo e rifiuti vari che stanno esasperando i residenti delle abitazioni limitrofe e con dei vecchi sottoservizi fognari ai quali Aama non può accedere per risolvere anche delle problematiche presenti a ridosso dell’area. Basterebbe andare sui luoghi – insistono Gioveni e Cacciotto – per rendersi conto della gravità di una situazione ambientale che dura già da 1 anno e mezzo e che quindi non può più essere tollerata! Ed è per questo che ribadiamo l’urgenza sia di procedere con l’assegnazione degli alloggi a chi vive ancora oggi nella restante baraccopoli dell’Ambito “C” Camaro-Bisconte, sia contestualmente alla demolizione delle baracche, come modus operandi, per evitare nuovi ingressi e il sorgere di nuove e deleterie bombe ecologiche”.

I due consiglieri chiedono al sindaco De Luca e all’assessore al Risanamento Mondello di fare leva sugli esiti del tavolo tecnico del 21 febbraio scorso e di invitare Arisme ad avviare immediatamente  tutte le procedure tecnico-amministrative per il completo sbaraccamento dell’area di Camaro Sottomontagna, senza più alcun tentennamento.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cade da cavallo e sbatte la testa, 18enne in gravissime condizioni

  • Brigata Aosta nello sconforto per la morte di Filippo Fontana, indagini a tutto campo a Capo d'Orlando

  • Rissa tra ragazzine a Villa Dante, due ferite: quattro pattuglie dei vigili per calmare gli animi

  • La nuova Maserati Corse parla messinese, nel team di progettazione due ex studenti UniMe

  • Ucciso a Los Angeles il regista Serraino, “Un amore spropositato per Messina che non gli ha mai tributato nulla”

  • Tragedia sfiorata in via Jaci, soccorso un uomo che ha tentato il suicidio

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MessinaToday è in caricamento