rotate-mobile
Politica

Regionali, Schifani candidato presidente del centrodestra: fumata bianca anche da Miccichè

Il centrodestra trova la quadra in Sicilia. Dopo annunci e polemiche, anche Fratelli d'Italia lo ha proposto per guidare la corsa alle regionali 2022. Scelta che sarebbe gradita pure a Totò Cuffaro. L'ex presidente del Senato: "Onorato e commosso". Intanto Sicilia Vera presenta per prima i simboli

Fumata bianca nel centrodestra in Sicilia dopo giorni di polemiche e nomi bruciati. "Per Forza Italia la candidatura di Renato Schifani è la migliore candidatura possibile per la Presidenza della Regione siciliana, quindi accettiamo volentieri la proposta di Fdi". Ad annunciarlo all'Adnkronos è il presidente dell'Assemblea regionale siciliana, Gianfranco Miccichè, coordinatore del partito in Sicilia.

Ieri anche Fratelli d'Italia ha proposto, a sorpresa, il nome dell'ex presidente del Senato come candidato alla presidenza. E in tanti hanno atteso il via libera da Forza Italia che però tardava ad arrivare. Parole di consenso sono arrivate dal centro, anche dall'ex governatore regionale Totò Cuffaro, mentre i vertici degli azzurri in Sicilia sono rimasti tutto il giorno in silenzio.

In serata parlamentari, assessori e commissari provinciali di Forza Italia in Sicilia, attraverso una nota, si sono stretti attorno a Miccichè affermando che: "E' lui l’unico in grado di rappresentare tutte le componenti del partito siciliano e portare al successo la coalizione". E lo stesso Miccichè ha rilanciato e proposto alla coalizione il nome di Barbara Cittadini, presidente nazionale Aiop. Stamattina il sì definitivo alla candidatura di Schifani.

L'ex presidente del Senato questa mattina ha commentato la notizia. "Sono onorato e commosso parole di Gianfranco Miccichè che mi indica come candidato di Forza Italia alla presidenza della Regione siciliana. Un profondo e sincero ringraziamento va al presidente Berlusconi, al coordinatore nazionale Antonio Tajani e alla classe dirigente del mio partito che ha voluto questo mio impegno. Ringrazio tutti gli alleati della coalizione per il sostegno e la fiducia dimostratami. Lavorerò senza sosta per il bene e la crescita della mia terra, sempre nel rispetto delle varie sensibilità dei partiti della coalizione e della sua unità".

L'ex presidente del Senato è sotto processo a Caltanissetta per rivelazione di segreto d'ufficio nel dibattimento sull'ex presidente degli industriali Antonello Montante, che in appello ha avuto dimezzata la pena.

Sul fronte Sicilia Vera Il presidente Giuseppe Lombardo e il presidente di “Sud chiama Nord” Ismaele La Vardera hanno depositato questa mattina all’assessorato regionale agli Enti Locali i simboli delle nove liste a sostegno del progetto di governo portato avanti da Cateno De Luca candidato alla presidenza della Regione Siciliana.

"Stamattina siamo stati i primi anche a depositare i simboli con la convalida di tutta la documentazione a supporto che abbiamo preparato – ha detto De Luca, leader di “Sud chiama Nord” - così come abbiamo fatto ieri a Roma".

"Siamo abituati ad impegnarci senza risparmiarci. Crediamo fortemente in questo progetto e siamo certi che il progetto politico proposto da Cateno De Luca rappresenti l'unica possibilità per la Sicilia di cambiare finalmente – ha affermato Lombardo -. E dopo essere stato a Roma, oggi mi sono recato a Palermo per portare a termine, anche dal punto di vista burocratico, tutti gli adempimenti che ci consentiranno di essere protagonisti in questa competizione elettorale".

"Abbiamo presentato nove simboli a sostegno della candidatura di Cateno De Luca alla carica di presidente della regione. Il simbolo “Sud Chiama Nord-De Luca sindaco di Sicilia” ha avuto il contrassegno numero uno. Di fatto siamo stati i primi dal tardo pomeriggio di ieri a presidiare assessorato alle Autonomie Locali. Assenti i partiti cosiddetti blasonati, perché? Per il semplice fatto che siamo l’unica coalizione a non litigare, a macinare chilometri da mesi per raccontare la nostra idea di Sicilia. Siamo gli unici ad aver un leader, un programma, e i candidati. La lista “De Luca Sindaco di Sicilia” ha già presentato tutti i candidati presenti in tutte le nove province. Questi siamo noi, l’improvvisazione la lasciamo ad altri".

I nomi delle nove liste sono: “De Luca sindaco di Sicilia”; “Sicilia Vera”; “Orgoglio Siculo con Cateno”; “Impresa Sicilia”; “Terra d’Amuri”; “Basta Mafie”; “Lavoro in Sicilia”; “Giovani Siciliani” e “Autonomia siciliana”.

Questa mattina a Palermo la conferenza stampa di presentazione dei candidati della lista “De Luca sindaco di Sicilia”: Ismaele La Vardera, giornalista e presidente di “Sud chiama Nord”; Pio Siragusa, presidente del consiglio comunale di Corleone; Tommaso Gargano, imprenditore; Igor Gelarda, consigliere comunale uscente di Palermo; Salvatore Geraci, sindaco di Cerda; Luigi Cino, sindaco di Camporeale; Salvatore Sanfilippo, già sindaco di Santa Flavia; Michele Gangi, medico odontoiatra; Filippo Romano, impiegato al Genio Civile di Palermo, Antonella Panzeca, dirigente dipartimento autonomie locali; Piera Chiarenza già assessore e consigliere comunale di Balestrate; Salvina Profitta, psicologa e psicoterapeuta; Francesca Coco, insegnante; Gianluca Calì, imprenditore; Thiyagarajah Ramani, vice presidente consulta delle culture al comune di Palermo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Regionali, Schifani candidato presidente del centrodestra: fumata bianca anche da Miccichè

MessinaToday è in caricamento