Mili San Pietro, scuola ancora inagibile a 4 anni dall'incendio

Il pressing di Sicilia Futura nei confronti di Comune e Regione. L'istituto rischia la definitiva chiusura per mancata trasformazione in plesso statale

Sono passati quattro anni dall'incendio che ha seriamente danneggiato la scuola elementare e dell'infanzia di Mili San Pietro. Ma l'istituto non è mai stato riaperto e adesso rischia la chiusura definitiva se entro tre anni non verrà trasformato in plesso statale, ipotesi al momento impossibile proprio per l'inagibilità della struttura.

Sulla vicenda è forte il pressing di Sicilia Futura che ha accolto le richieste delle associazioni "Ctg Lag" e del comitato "Vallata di Mili"  che hanno presentato lo scorso anno all'amministrazione una proposta di ripristino dell'edificio per ospitare la scuola primaria e la scuola dell'infanzia regionale. Da qui la mozione del gruppo politico per un immediato sopralluogo da parte del sindaco e dei rappresentanti della Regione. 

"Faccio quindi mie - ha spiegato Beppe Picciolo - le preoccupazioni dei residenti nel villaggio che rischierebbe di perdere in un solo colpo entrambe le scuole, equivalenti a un importante presidio formativo, culturale e sociale ed evidenzio che la proposta di ottimizzazione degli spazi permetterebbe di ospitare sia la scuola primaria che quella dell'infanzia, con un risparmio sugli affitti attualmente sostenuto per quest'ultima, ospitata nella canonica del villaggio. Stiamo parlando  di un'utenza di circa 50 bambini delle due scuole e delle relative famiglie che attendono da anni una risposta. Inutile ribadire – ha concluso Picciolo – che i villaggi soffrono da tempo numerosi disagi e confido ancora nella possibilità che il Comune trasmetta entro il 30 luglio alla Regione lo studio di fattibilità del progetto che consentirebbe di restituire alla comunità la sua scuola". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Stroncato da un malore mentre consegna la frutta a un cliente, muore il titolare di una azienda

  • Donne contro le donne, esplode il caso delle vignette "scandalose" di Lelio Bonaccorso

  • L'indagine sulla Banca di Credito Peloritana, raffica di perquisizioni nelle aziende

  • Stop al coprifuoco per i negozi e riapertura delle scuole, passa in consiglio la mozione contro l'ordinanza di De Luca

  • "Scambio" di morti in obitorio, famiglia seppellisce la salma sbagliata

  • Su Viviana e Gioele indagini per altri due mesi, Daniele Mondello: "Orribile non poter ancora dar loro sepoltura"

Torna su
MessinaToday è in caricamento