rotate-mobile
Martedì, 5 Luglio 2022
Politica

Relazione annuale vietata in consiglio comunale? La Tona: "Non c'era alcun obbligo di legge"

Il capogruppo di Sicilia Futura chiarisce dopo le accuse del primo cittadino sulla presunta scorrettezza della maggioranza dei consiglieri. "Nessuna preclusione a discutere ed approvare, se lo riterremo valido, il Piano di riequilibrio"

“Ancora una volta si preferisce guardare al dito che indica la luna piuttosto che alla luna stessa”.  Con queste parole il capogruppo di Sicilia Futura rimanda al mittente la peana del sindaco De Luca in merito alla presunta scorrettezza della maggioranza del Consiglio comunale che non gli avrebbe consentito di presentare la relazione annuale sull'attività svolta in aula. 

Anche stamani il sindaco, durante la conferenza di fine mandato, ha ribadito le sue accuse. Pronta la replica del capogruppo di Sicilia Futura Piero La Tona.

“Il problema della città di Messina – si interroga La Tona - è rappresentato dal fatto che i consiglieri non abbiano espresso le loro considerazioni sulla relazione annuale del sindaco (delle quali non sarebbe importato niente a nessuno) o piuttosto dai pessimi rapporti che il sindaco, con i suoi comportamenti, ha instaurato con la gran parte degli attori in campo, consiglieri, deputati, presidente della regione, sindacati, dipendenti comunali ecc.? Sindaco e gruppo misto – ha evidenziato La Tona - sottolineano che il commissario regionale afferma che era opportuna la discussione in aula della relazione del sindaco, ma la legge non prevede sanzioni quindi di fatto non la rende obbligatoria. Noi crediamo che sarebbe stato meglio dialogare, confrontarsi, condividere e allora sì, discutere in aula la relazione annuale del Sindaco avrebbe avuto un senso. Invece con il clima creato sarebbe stato solo un formale adempimento di legge, opportuno dice il commissario regionale, ma perfettamente inutile. Chiaramente - ha concluso il capogruppo di Sicilia Futura - nessuna preclusione a discutere ed approvare (se lo riterremo valido) il Piano di riequilibrio. Senza infingimenti questo Consiglio ha fin qui lavorato esclusivamente per il bene di Messina”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Relazione annuale vietata in consiglio comunale? La Tona: "Non c'era alcun obbligo di legge"

MessinaToday è in caricamento