rotate-mobile
Politica

Stralcio delle cartelle esattoriali sotto i mille euro, il Comune dice "si": i contribuenti non devono pagare

Parere favorevole allo stralcio parziale dei ruoli emessi tra il 2000 e il 2015 di importo inferiore a 1.000 euro, relativo a sanzioni e interessi per i debiti tributari e per i soli interessi per le sanzioni amministrative, comprese quelle per violazioni del Codice della strada

L’Amministrazione comunale di Messina, "valutato anche il difficile periodo socio-economico", rende noto di essere favorevole allo stralcio parziale dei ruoli emessi tra il 2000 e il 2015 di importo inferiore a 1.000 euro, relativo a sanzioni e interessi per i debiti tributari e per i soli interessi per le sanzioni amministrative, comprese quelle per violazioni del Codice della strada. I dettagli della decisione saranno illustrati dal sindaco Federico Basile, durante una conferenza stampa con l’assessore con delega ai Tributi Roberto Cicala, in programma domani, alle 10, nella sala Falcone Borsellino a Palazzo Zanca.

In base alla norma varata a Roma, entro fine gennaio, gli enti locali devono decidere con apposita delibera se aderire o meno alla cosiddetta pace fiscale. In entrambi i casi il provvedimento dovrà poi essere trasmesso all'Agenzia delle Entrate-Riscossione.

Con il "si" allo stralcio delle cartelle esattoriali, l'amministrazione comunale intende rinunciare alle somme. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stralcio delle cartelle esattoriali sotto i mille euro, il Comune dice "si": i contribuenti non devono pagare

MessinaToday è in caricamento