Politica Santa Teresa di Riva

Jonica Trasporti, Lo Giudice: "Non siano i cittadini a pagare errori del passato"

Il deputato sindaco di Santa Teresa, difende l'azienda che fa capo ad una società del gruppo Montante. “I servizi che svolge nel comuni del comprensorio jonico sono importanti, così come il futuro di venti famiglie”

"Chi afferma che dietro la società Jonica Trasporti ci siano solo debiti e sprechi non riconosce che dietro a questa realtà ci sono anche che servizi dati ai cittadini e ai comuni del comprensorio jonico messinese, oltre alle 20 famiglie che in questo momento non conoscono quale sia il loro futuro."

E' la difesa del deputato regionale e sindaco di Santa Teresa Riva, Danilo Lo Giudice (nella foto), secondo il quale "far passare questo messaggio è importante affinché proprio i cittadini e i comuni non subiscano oltre al danno anche la beffa: se in passato la politica ha utilizzato la Jonica Trasporti come un bancomat in cui “parcheggiare” trombati o poltrone per amici, sicuramente le responsabilità non possono ricadere oggi su chi usufruisce dei servizi, né tantomeno sugli odierni lavoratori."

Danilo Lo Giudice-3

Ricordando di aver presentato nei giorni scorsi una interrogazione al Governo Regionale, Lo Giudice afferma di avere ottenuto un incontro urgente con l'assessore Falcone "che si è dichiarato immediatamente disponibile ad affrontare la questione, per trovare una soluzione nel più breve tempo possibile anche per dare certezza su quello che sarà il futuro della società, considerato che oltre ai servizi turistici, la Jonica effettua importanti servizi di linea per studenti e lavoratori che si troverebbero dall’oggi al domani in balia del nulla."

Ad amministrare la Jonica Trasporti è l'avvocato tributarista Gianfilippo Ceccio, nominato dall'azionista di maggioranza Asp spa, sotto il governo Crocetta. La Jonica trasporti è l'iunica axienda siciliana che ha una convenzione con le ferrovie per assicurare l'intervento di trasporto dei passeggeri in caso di trasporto dei treni in Sicilia. E' finita nella bufera perchè parte dell'azienda è in quota ad una azienda che fa capo al gruppo Montante, ex presidente di Confindustria recentemente condannato a 14 anni di carcere.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Jonica Trasporti, Lo Giudice: "Non siano i cittadini a pagare errori del passato"

MessinaToday è in caricamento