Sette film cult discussi da neuroscienziati, Persico e le nuove frontiere dell'autismo a “Curiosamente”

Il docente dell'Università di Messina affronterà il tema al festival “Cervello&Cinema” di Milano. Dal film “Corpo e anima” dell'ungherese Ildikó Enyedi alla nuova ricerca che collega la patologia a disfunzioni nel microbiota

Il cinema e la psicologia sono sempre andati a braccetto. Ogni film è la messa in scena di dinamiche psicologiche, più o meno stravaganti.

Lo sanno bene BrainCircleItalia che insieme a Irccs Ospedale San Raffaele, col patrocinio del Comune di Milano, organizzano il Festival Cervello&Cinema.

“Curiosamente – indizi di ordinaria follia” avrà inizio il 23 settembre e si concluderà il 29, quest’anno per la prima volta presso Anteo - Palazzo del Cinema di Milano, Sala Excelsior, in Via Milazzo, 9.

Antonio Persico-2L’attenzione è su alcuni comportamenti anomali, ma molto diffusi, che nei casi lievi consentono una vita apparentemente normale, ma che possono portare a grandi sofferenze. Li raccontano sette film “cult” che saranno presentati da ricercatori ed esperti nel campo delle neuroscienze e della psicanalisi, secondo una formula che ha avuto grande successo nelle precedenti edizioni. L’obiettivo è quello di avvicinare alla ricerca scientifica un pubblico di “non addetti ai lavori” e di giovani, stimolando una riflessione sulle neuroscienze e sugli studi relativi alla mente umana.

Il gran finale, il 29 settembre è affidato al professore Antonio Persico (nella foto) dell’Università di Messina.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sarà proiettato il film Corpo e anima, dell'ungherese Ildikó Enyedi, Orso d’Oro a Berlino due anni fa, una delicata storia d’amore tra due persone che non sanno comunicare i propri sentimenti, ma che sognano lo stesso sogno. Una commedia  con la costruzione di un amore pezzo dopo pezzo ma il tema è il quadro autistico, una sindrome che sta crescendo esponenzialmente e di cui non si conoscono le cause. Una ricerca attualissima lo legherebbe a disfunzioni nel microbiota, la composizione della flora batterica nell’intestino, che viene spesso definito il “secondo cervello” per il numero di neuroni presenti al suo interno. Ne parlerà il docente messinese Antonio Persico, neuropsichiatra infantile, responsabile del Programma Interdipartimentale “Autismo 0-90” del Policlinico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dormiva in auto per non perdere il lavoro, Liberty Lines: potrà pernottare negli alloggi aziendali

  • Taormina, cade dalle scale e precipita sugli scogli: muore a vent'anni

  • Il lieto fine di Alessandro dopo l'incidente: "Pensavo di non poter più correre, ma ce l'ho fatta"

  • Patti, bimba di nove anni cade dalla bicicletta e batte la testa: in elisoccorso al Policlinico

  • Movida, ancora violazioni e multe: gestore denunciato per minacce e resistenza durante i controlli

  • Papardo, visite gratuite durante la settimana della prevenzione dedicata alla donna

Torna su
MessinaToday è in caricamento