Giornata mondiale psoriasi, Open day al Policlinico per la diagnosi precoce

Si rinnova l'appuntamento con Adipso mirato diffondere capillarmente l'importanza della prevenzione e della corretta conoscenza di una malattia subdola. L'88 per cento dei pazienti delusi dalle terapie rinuncia a curarsi

Una malattia subdola, che spesso isola i pazienti che delusi delle terapie, rinunciano perfino a curarsi. Accade alla maggioranza degli italiani malati di psoriasi. 

Con l'obiettivo di per "diffondere capillarmente l'importanza della prevenzione e della corretta conoscenza della malattia", in occasione della Giornata mondiale della psoriasi Adipso (Associazione per la difesa degli psoriasici) rinnova l'appuntamento con un Open day mirato alla diagnosi precoce della patologia.

Martedì 29 ottobre, dalle 8.30 presso le principali Cliniche dermatologiche italiane (ex Centri Psocare e altri Centri di dermatologia), da Nord a Sud Italia in diverse città del territorio fra cui Milano, Firenze, Roma, Napoli, Bari e Messina, sarà possibile sottoporsi a visite gratuite o ricevere consulenze. Mentre nelle piazze saranno a disposizione info-point sulla malattia psoriasica. A Messina è possibile prenotarsi all'Unità ospedaliera di Dermatologia del Policlinico universitario dove gli accertamenti si svolgeranno dalle 10 alle 15.

Secondo un'indagine condotta fra il 2016 e il 2018 su 8 mila pazienti con una storia di patologia iniziata mediamente in età giovanile, tra 21 e 30 anni (38%) e fra 31 e 40 anni (41%). Sul totale intervistati, oltre 6.700 (84%) si dicono "disillusi" riguardo le aspettative di cura, spesso disattese, e fra i delusi quasi 6 mila (88%) rinunciano a sottoporsi a successive/nuove terapie o a recarsi da uno specialista per monitorare la propria condizione.

Per gli esperti si tratta di "un dato allarmante che denuncia da un lato la sottostima della malattia da parte dei pazienti, e dall'altro la necessità prioritaria del medico di educare meglio gli psoriasici" sugli sviluppi della malattia e sulle opzioni terapeutiche offerte oggi dalla ricerca. Come "trattamenti topici confortevoli in termine di applicazione e praticità nell'uso quotidiano per le forme lievi", e "terapie biologiche innovative con risposta rapida e duratura nel tempo per le forme da moderate a severe". Trattamenti "tanto più efficaci quanto più la psoriasi è affrontata in fase precoce, a vantaggio di un 'blocco' dell'evoluzione della malattia e delle comorbidità associate, psicologiche e fisiche, tra cui la componente articolare della malattia (artrite psoriasica)".

Ulteriori informazioni su www.adipso.org.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Malore in municipio, muore un assessore

  • Furto tra i tavoli del McDonald's, indaga la polizia

  • Maltempo, scatta l'allerta rossa: al Comune riunione per decidere sulla chiusura delle scuole

  • E' morta Silvana Grasso, il giudice di Corsi d'Oro e Gettonopoli

  • Movida, lo sfogo di una madre: "Quando mio figlio va a ballare ormai temo il peggio, chiedo aiuto alle forze dell'ordine"

  • Policlinico, anziana cade e sbatte violentemente la testa: oltre dieci ore in barella al Pronto soccorso prima degli esami

Torna su
MessinaToday è in caricamento