rotate-mobile
Curiosità

Giornata mondiale del cinema italiano, le indimenticabili pellicole girate nel Messinese

In cima alla lista Il Padrino, indimenticabile Il postino. Ecco i film più celebri che hanno portato Messina e la sua provincia sul grande schermo

Domani, 20 gennaio, si celebra la Giornata mondiale del cinema italiano, ma quale occasione migliore per ricordare le grandi pellicole che sono state girate in Sicilia tra scorci meravigliosi e paesaggi indimenticabili? Sono numerosi infatti le città e i borghi scelti anche dai grandi registi per portare la nostra Isola nel grande schermo da Il Padrino a I Cento passi passando per Malena, girati rispettivamente tra Messina e Catania il primo, a Cinisi il secondo e prevalentemente a Siracusa il terzo. E se la lista dei film con ambientazione siciliana o tematiche inerenti ad essa sono tante sicuramente, non mancano quelli che hanno come scenario la provincia di Messina. Scopriamo insieme i più significativi.

Uno dei film di mafia più celebri al mondo è senza dubbio Il Padrino  ed era proprio il 1971 quando Francis Ford Coppola decise di girare il capolavoro tra Catania e Messina. A proposito di Messina scelse Savoca dove c’è il bar Vitelli set del film e tra i luoghi del Padrino c’è anche Forza D'Agrò e in particolare la Chiesa della Santissima Annunziata.  Impossibile non citare Il postino del 1994, diretto da Michael Radford e  Massimo Troisi con la messinese Maria Grazia Cucinotta girato in parte a Salina ed in particolare nella spiaggia di Pollara, e proprio nel porto di  Santa Maria di Salina che un tratto di banchina è stato intitolato a Massimo Troisi. E ancora andando indietro nella storia del cinema abbiamo: Stromboli terra di Dio di Roberto Rossellini (1949), Vulcano di William Dieterle (1950) con Anna Magnani; Lu tempu di li pisci spata di Vittorio De Seta (1954); L’avventura (1960) di Michelangelo Antonioni girato alle Isole Eolie al San Domenico Palace di Taormina e al Borgo Schisina di Francavilla di Sicilia.
    
 Non dimentichiamo che anche Roberto Benigni ha scelto Taormina  per Il piccolo diavolo  e  invece Johnny Stecchino è ambientato  anche a Giardini, Letojanni e nella stazione di servizio di Santa Teresa di Riva. Taormina è sempre stata tra le location più amate dai registi italiani e internazionali,  tra i numerosi titoli abbiamo: Divorzio all’italiana di Pietro Germi (1961), La dea dell’amore di Woody Allen e anche Grande, grosso e Verdone di Carlo Verdone solo per citarne alcuni . E forse non tutti sanno che anche Ficarra e Picone  ne “Il 7 e l’8” hanno girato delle scene  a Santa Lucia del Mela che è diventato lo scenario del paese fittizio San Giovanni in Calice.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giornata mondiale del cinema italiano, le indimenticabili pellicole girate nel Messinese

MessinaToday è in caricamento