"E che parlo greco!", studentessa star di Instagram con le lezioni sulla lingua dei filosofi

Liliana Di Napoli dottoranda in Filologia classica e cultrice di Letteratura greca all'Università di Messina con la sua pagina “Mellichomeidos” sbarca sui social ed è subito successo: "Sento che la mia missione sia diffondere bellezza in ogni sua forma"

Liliana Di Napoli

E’ seguita da 1.071  utenti e il suo primo video ha raggiunto i 600 followers e superato le 5.000 visualizzazioni in sole 24 ore. Stiamo parlando di “Mellichomeidos”  la pagina Instagram  dedicata al greco, creata dalla studentessa dell’Ateneo messinese Liliana Di Napoli dottoranda in Filologia classica e cultrice di Letteratura greca all'Università di Messina . La sua storia è stata raccontata anche da "la Repubblica - Palermo".

Un’avventura cominciata da pochi giorni dall’ambiente informale della sua cameretta, ma divenuta già un fenomeno social: “Ho deciso di cominciare a girare questi video- racconta nel video di apertura dedicato all’introduzione alla Lingua greca - perché mi sono resa conto ed è palese verità che  i social siano il principale veicolo-canale attraverso il quale vengono diffusi contenuti di varia materia e questi canali riescono a raggiungere il più alto numero di utenti possibile. La cosa  negativa è che spesso i contenuti proposti sono poco edificanti e mi sono detta che qualcosa  che meritasse di essere conosciuta ovunque era appunto  il greco. Il greco è una lingua bellissima il greco è la mia passione, io  del greco ho fatto la mia vita e il mio lavoro, ma è una lingua troppa sottovalutata”.

Chi l'ha detto dunque che il greco è una lingua morta? A parere della 28enne chi le ha conferito giudizi negativi non l’ha  mai vista con gli occhi giusti: “ Il greco per me ha fatto tanto- continua-mi ha ridato a me stessa lo dico sempre, perché mi ha fatto capire quale fosse il mio posto nel mondo e perché io fossi nata e non è un'acquisizione così scontata”.

Obiettivo delle sue lezioni online, che nelle scorse ore hanno raggiunto quota quattro, è non solo fornire delle pillole per approcciarsi alla lingua ma stuzzicare la curiosità di chi non non l’ha mai conosciuta, e chissà che non ci si possa innamorare di lei come è successo a Liliana : “Sento che la mia missione su questa terra, in questa vita, sia diffondere bellezza, in ogni sua forma. Credo che il greco sia proprio una di queste forme- si legge sul profilo Instagram-  “Mellichomeidos” nasce per farvi innamorare, attraverso i miei occhi innamorati, della lingua antica più bella. E’ un viaggio al quale siete tutti invitati: datemi la mano e lasciatevi guidare". Un esempio il suo che va fuori dagli schemi dimostrando che si può fare un uso corretto e culturalmente edificante dei social network. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I Pooh e il concerto non previsto in cartellone, Torre Faro "svegliata" a notte fonda per l'evento musicale dell'anno

  • Dall'aggressione fisica all'auto bruciata: la storia di Alessandro Gonciaruk, vittima di intimidazione a Zafferia

  • L'indagine sulla Banca di Credito Peloritana, raffica di perquisizioni nelle aziende

  • "Scambio" di morti in obitorio, famiglia seppellisce la salma sbagliata

  • Non ci sono bombole, malata di Covid rischia la vita: il medico del 118 denuncia tutto ai carabinieri

  • Su Viviana e Gioele indagini per altri due mesi, Daniele Mondello: "Orribile non poter ancora dar loro sepoltura"

Torna su
MessinaToday è in caricamento