Aics Sicilia, Lillo Margareci il nuovo presidente

Nei giorni scorsi a Siracusa il congresso siciliano dell’Associazione Italiana Cultura Sport, che ha votato per costituire l’intero direttivo

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di MessinaToday

Lillo Margareci è il nuovo presidente dell’AICS Sicilia. Si è tenuto, nei giorni scorsi, a Siracusa il congresso regionale dell’Associazione Italiana Cultura Sport, che ha eletto il direttivo, completato dai consiglieri: Orazio Fresta (Catania), Francesco Chessari (Ragusa), Giuseppe Pedix (Agrigento) e Pierangelo Margareci (Messina). Margareci, che succede nella prestigiosa carica ad Emanuele Schiavo, vanta un’ultra trentennale esperienza nell’AICS, che lo ha portato, nel corso degli anni, a rivestire incarichi sempre più prestigiosi, come presidente dell’AICS Messina e vice presidente siciliano.

“E’ una bella soddisfazione personale, che premia, però, il lavoro di gruppo portato avanti in ambito messinese. Proprio la città dello Stretto diventerà un punto di riferimento regionale, ma con lo sguardo rivolto costantemente alle altre province. E’ iniziata la parte più difficile del compito che mi attende, c’è da sviluppare, infatti, un programma ambizioso nella sua concretezza, che partirà dai piccoli “mattoni” per edificare un importante progetto. L’idea non mi spaventa, anzi stimola l’entusiasmo e la voglia di fare. Ci tengo a sottolineare – conclude Margareci – che sono il presidente di tutta l’AICS Sicilia, che ho l’onore di rappresentare, e mi metto a completa disposizione di chiunque fa già parte o vorrà farne in futuro della nostra “famiglia”, che spero ulteriormente di allargare”.            

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MessinaToday è in caricamento