rotate-mobile
Martedì, 24 Maggio 2022
Calcio

Promozione, il RoccAquedolcese fa il punto della situazione dopo lo stop per il Covid-19

La società bianco-verde-azzurro ha voluto chiarire alcuni aspetti con una nota ufficiale prima di disputare 9 partite in 27 giorni

Il RoccAcquedolcese sta vivendo un periodo complicatonel campionato di Promozione. A causa del Covid-19 nelle prossime settimane dovrà disputare 9 partite in 27 giorni:

Roccacquedolcese-Valdinisi 27 febbraio
Castelluccese-Roccacquedolcese 2 marzo
Pro Falcone-Roccacquedolcese 6 marzo
Torrenovese-Roccacquedolcese 9 marzo
Roccacquedolcese-Milazzo 13 marzo
Roccacquedolcese-Sinagra 16 marzo (Coppa Italia)
Gioiosa-Roccacquedolcese 19 marzo
Sinagra-Roccacquedolcese 23 marzo (Coppa Italia)

La società ha voluto fare il punto dellla situazione e chiarire alcuni aspetti con una nota ufficiale: “Questo il tour de force in programma per il RoccAcqudolcese, che potrebbe allungarsi in caso di passaggio del turno di Coppa Italia Sicilia, poiché sarebbero in programma i quarti di finale nei primi 2 mercoledì di aprile, cosa che comporterebbe il dover giocare per 6 settimane consecutive ogni domenica e mercoledì! A questo si deve aggiungere che i ragazzi di mister Palmeri, dal 22 dicembre ad oggi avranno svolto 5/6 allenamenti a ranghi completi e 2 sole partite ufficiali, non si allenano da 10 giorni, hanno in questo momento 8 positivi al COVID (oltre ai 6 già guariti), torneranno ad allenarsi oggi (solo i pochi ‘superstiti’, in attesa dei tamponi di controllo previsti e riprenderanno (si spera) domenica con le gare ufficiali in una condizione fisica precaria.

Premesso tutto ciò, vorremmo capire a cosa sia dovuta l’ironia di qualche addetto ai lavori che vorrebbe far credere a chissà quale vantaggio si potrebbe trarre da questa imbarazzante situazione. Naturalmente gli 8 attuali contagi, sono dimostrati dai rispettivi certificati rilasciati dall’Asp (e inviati tempestivamente alla Lega) e le date dei tamponi di controllo sono previste per legge. Tra l’altro tutte le altre dirette concorrenti hanno giocato (quasi) normalmente e non crediamo che qualche passo falso possa essere stato causato dal fatto che il Roccacquedolcese non giocava. E se tutte avessero vinto le rispettive partite, saremmo quinti o sesti con la necessità di dover vincere obbligatoriamente tutte le partite da qua a fine campionato, giocando condizionati e sotto stress, cosa che, solitamente, non porta a niente di buono.

A meno che, i simpatici malpensanti, non ci riconoscano doti sovrannaturali tali da poter condizionare le partite degli altri…..Domenica è in programma una insidiosa partita contro un ritrovato Valdinisi, che sarà affrontata in condizioni di emergenza, poi, a seguire, una serie di partite ravvicinate e difficili che non consentiranno di allenarsi bene, ma con l’augurio di poter ritrovare il ritmo partita quanto prima. Come consuetudine, dallo spogliatoio bianco-verde-azzurro, filtra serenità.  Niente esaltazioni quando le cose vanno bene, niente fasi di depressione quando le cose vanno un po’ meno bene. Si affrontano le partite una alla volta e si prova a vincere sempre, senza proclami, senza feste, senza scene di giubilo, consapevoli che i momenti di gloria ‘parziali’ non contano nulla. Una sola (a parte playoff e coppa) esulterà alla fine e da queste parti c’è la consapevolezza di poter essere tra quelli che potrebbero farlo. Abbiamo sempre tenuto un profilo basso, riconoscendo la forza dei nostri avversari e siamo coscienti che il campionato si deciderà solo nelle ultime giornate”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Promozione, il RoccAquedolcese fa il punto della situazione dopo lo stop per il Covid-19

MessinaToday è in caricamento