Lunedì, 14 Giugno 2021
Sport

Gestione stadi nel caos: "derby" anticipato tra Acr e Football Club Messina

Le polemiche dopo la concessione del "Franco Scoglio" prorogata fino al 2021. L'Fc non ci sta e chiede spiegazioni al sindaco. In mezzo i ritardi di Palazzo Zanca sui bandi

Quasi un anticipo del derby in programma il prossimo 8 marzo. Ma in questo caso è lo spettacolo offerto è ben lontano da quello che è possibile ammirare durante una partita di calcio.

Le due principali squadre cittadine si contendono la gestione degli stadi, in un match in cui Palazzo Zanca è l'arbitro, tutt'altro che imparziale secondo la fazione Fc Messina.

La società di Rocco Arena ha infatti aspramente criticato la scelta dell'amministrazione comunale di prorogare la concessione del "Franco Scoglio" all'Acr Messina fino al maggio del 2021. Una decisione che penalizzerebbe proprio l'Fc, a cui verrebbe negata di fatto la possibilità di ripescaggio in serie C. Tra i professionisti serve uno stadio adeguato e sicuro.

Il club nato dalle ceneri del Città di Messina ha parlato di "par condicio" non rispettata e ha chiesto un incontro urgente al sindaco De Luca e all'assessore allo Sport Giuseppe Scattareggia.

E proprio Scattareggia sulla vicenda getta acqua sul fuoco spiegando che l'estensione della proroga all'Acr è frutto di accordi precedenti basati sulla divisione dei due impianti cittadini tra le due squadre.

L'Fc Messina, infatti, aveva optato per il "Giovanni Celeste" sul quale denuncia un silenzio tombale da parte dell'amministrazione comunale. L'impianto di Gazzi avrebbe dovuto ospitare le partite del Football Club già da alcuni mesi, ma al momento nulla è certo circa i tempi di riapertura. 

Sullo sfondo resta la questione bandi. Lo scorso luglio il consiglio comunale ha approvato gli schemi di convenzione dei due stadi cittadini con i quali l’amministrazione sarebbe già stata in grado di preparare e pubblicare i bandi. "Ancora oggi – denuncia il consigliere Libero Gioveni – non vi è traccia di tutto ciò, con la proroga della concessione del 'Franco Scoglio' addirittura concessa fino a maggio 2021, che quindi fa presagire ancora tempi lunghi per la pubblicazione dei bandi".

Ritardi che fanno a cazzotti con i ripetuti annunci del sindaco Cateno De Luca. Ma tutto sembrebbe essere stato causato da alcune irregolarità nella documentazione su cui i dirigenti di Palazzo Zanca stanno ancora lavorando. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gestione stadi nel caos: "derby" anticipato tra Acr e Football Club Messina

MessinaToday è in caricamento