Mercoledì, 16 Giugno 2021
Sport Statale 114

Stadio "Franco Scoglio", la diatriba tra Acr e Football Club Messina finisce dal prefetto

Il 31 gennaio la convocazione delle due società a Palazzo del Governo. Ultimo atto dopo i controlli sull'agibilità dell'impianto dopo l'installazione dei led pubblicitari. Intanto Palazzo Zanca si affida a Antonio D'Arrigo per gestire gli stadi

L'ultimo atto (si spera) della querelle legata alla gestione del "Franco Scoglio" andrà in scena in Prefettura.

Venerdì 31 gennaio i dirigenti di Acr Messina e Football Club Messina, insieme all'amministrazione comunale, sono stati convocati dalla commissione di vigilanza per chiudere definitivamente la questione legata all'agibilità del principale stadio cittadino.

Tutto è nato dopo l'installazione di pannelli pubblicitari a led voluta dal Football Club e osteggiata dall'Acr, arrivata perfino a bloccare i cancelli per non far iniziare i lavori. Tutto si è poi risolto con l'intervento del sindaco De Luca e dell'assessore allo Sport Giuseppe Scattareggia. Ma le polemiche non sono finite con attacchi social della dirigenza Acr contro lo stesso Scattareggia per il quale il consigliere comunale Alessandro Russo ha perfino chiesto le dimissioni.

Al centro la convenzione che regola la gestione dell'impianto di San Filippo, in mano all'Acr Messina fino al 2021. La società della famiglia Sciotto rivendicava l'esclusiva sulla gestione pubblicitaria e dunque legittimata ad impedire l'installazione degli ormai celebri pannelli che hanno fatto scoppiare il caso.

Da qui la richiesta domenica scorsa, a poche ore dal match Fc Messina-Biancavilla, di un sopralluogo da parte degli organi preposti per valutare l'agibilità del "Franco Scoglio" dotato adesso di moderni rulli pubblicitari.

La gestione dei due impianti cittadini resta un tema infuocato in attesa del definitivo bando di gestione previsto tra qualche settimana. Intanto, Palazzo Zanca corre ai ripari nominando Antonio D'Arrigo come esperto a titolo gratuito per curare tutte le questioni relativi all'utilizzo di "Franco Scoglio" e "Giovanni Celeste".

D'Arrigo fino allo scorso 10 gennaio ha ricoperto la carica di direttore generale dell'Acr Messina, incarico terminato con le sue dimissioni

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stadio "Franco Scoglio", la diatriba tra Acr e Football Club Messina finisce dal prefetto

MessinaToday è in caricamento