Verso la Traversata: dalla doppietta Loffredo al dominio delle Fiamme Oro Roma

Il percorso d’avvicinamento alla gara di nuovo di fondo internazionale numero 55 continua. La storia di oggi ripercorre le vicende accadute tra il 1956 e il ‘57, con due edizioni disputate

Il conto alla rovescia è ormai partito. Manca meno di un mese alla partenza della 55esima edizione della Traversata dello Stretto. La gara di nuoto di fondo più importante della regione e con una dimensione internazionale è pronta ad accendere nuovamente la curiosità degli appassionati, i quali attendono con trepidazione di assistere ad un’altra pagina di storia. Attraverso i decenni e le epopee vissute in mezzo al mare tra Sicilia e Calabria, il nostro viaggio ci trasporta direttamente a metà degli anni 50’, quando la competizione cresce di volta in volta.

Le prime due gare hanno visto trionfare il campione Giacomo Loffredo. Il suo nome rimarrà per sempre scolpito nell’immaginario collettivo. Non c’è, però, tempo di soffermarsi su quanto accaduto che gli organizzatori già mettono in piedi la gara del 1956. Le partecipazioni del 19 agosto sono 10. Tra gli atleti ritroviamo ancora una volta il campione in carica, il quale però non bisserà il successo degli anni precedenti. Il nuotatore della Fiat Torino chiuderà soltanto al sesto posto. Spazio, dunque, a nomi nuovi pronti ad emergere. Le Fiamme Oro Roma si distinguono come società principale, pur non vincendo la competizione. Secondo, terzo, quarto e quinto posto sono tutti della compagine romana. Sui gradini più bassi del podio ci salgono rispettivamente Fioravanti Resasco e Salvatore Verdini. L’appassionate lotta per il successo finale se l’aggiudica Francesco Giovacchini della Lerici Sport. Il suo tempo migliora il precedente record, fermando il cronometro su 1h 3m 45s. 

L’epopea di Loffredo si chiude, ma il terzo vincitore della Traversata non riesce ad eguagliare la doppietta. Siamo al 18 agosto del 1957. Gli atleti al via, questa volta, sono 11. Giovacchini non difenderà il titolo, dando a tutti i partecipanti una grande opportunità. Le Fiamme Oro Roma si confermano mattatori assoluti della gara. Questa volta i capitolini riesco a piazzare un proprio atleta in testa. Salvatore Verdini sale sul gradino più alto del podio. Il suo tempo vale il nuovo record se pur di poco: 1h 3m 20s. L’ordine d’arrivo si completa con due compagini del vincitore: Fioravanti Resasco, riconfermato dopo il secondo posto del ‘56, e Domenico Cuciniello. La griglia d’arrivo sentenzia Fiamme Oro Roma fino al quinto posto, con Francesco Marongiu e Domenico Marchetti a sottolineare con ancora più forza il dominio di squadra.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Furto tra i tavoli del McDonald's, indaga la polizia

  • Maltempo, scatta l'allerta rossa: al Comune riunione per decidere sulla chiusura delle scuole

  • E' morta Silvana Grasso, il giudice di Corsi d'Oro e Gettonopoli

  • Accusa un malore e muore sotto lo sguardo dei passanti

  • Movida, lo sfogo di una madre: "Quando mio figlio va a ballare ormai temo il peggio, chiedo aiuto alle forze dell'ordine"

  • Commerciante messinese dona 1000 euro alla famiglia Chillè, Paolo è in terapia in California

Torna su
MessinaToday è in caricamento