Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Sport Capo d'Orlando / Piazza Peppino Bontempo

L'Orlandina supera Bergamo, coach Sodini: "Nel secondo tempo i ragazzi hanno risposto bene"

La seconda partita delle semifinali playoff è andata all'Orlandina, grazie ad un'ottima prestazione. Le ostilità si sono chiuse con il risultato finale di 87-75

Bergamo cerca di stare al passo, dimostra di essere una squadra di ottimo rango, ma l'Orlandina riesce sempre a dare quel qualcosa in più che concretizza la vittoria. Anche gara 2 delle semifinali playoff ha avuto il medesimo canovaccio degli ultimi 18 successi consecutivi della squadra di Capo d'Orlando. Le partite disputate al PalaSikeliArchivi hanno messo nella peggior posizione possibile Bergamo, che adesso dovrà evitare l'eliminazione in casa. 

Dopo aver visto maturare il buon 87-75 finale, coach Sodini ha commentato la prova dei suoi uomini: "Sono molto contento di essere 2-0 nella serie, perché non è per niente scontato. Abbiamo avuto superficialità per colpa di una buonissima partenza, che ha fatto pensare a chi era in campo che era troppo facile. Io penso che la nostra Serie A passi da Mobio, Laganà, Mei, Murabito, Neri, Galipò… Si pensa che debba passare da Triche e Parks, ma non è così in realtà. La promozione - riflette il coach - dipende da altri fattori, come ad esempio mantenere un certo livello di intensità e di gioco quando cominciano le rotazioni. E’ una cosa che non sta succedendo e dobbiamo migliorare. Bisogna dire che comunque nel secondo tempo i ragazzi hanno risposto bene."

"Non possiamo far finta che non speculiamo sul fatto che non giochi Taylor, io mi aspettavo una gran partita di Roderick e l’ha fatta, perché è un campione, anche se Parks nel secondo tempo è riuscito a contenerlo. Invito tutti a guardare il secondo tempo difensivo di Simone Bellan, un vero e proprio clinic. Ci sono delle situazioni - prosegue Sodini - che dobbiamo imparare a gestire meglio. Dobbiamo imparare a gestire le situazioni senza innervosirci per dei fischi che secondo me erano corretti. Questa è stata una partita punto a punto, maschia, combattuta. Noi dobbiamo giocare a pallacanestro, se il metro dice che quel tipo di contatto non è ammesso, dobbiamo essere bravi a gestirlo. Siamo a 37 partite giocate e devono capire, i vari Mobio, Laganà ect, che è importantissimo quello che loro fanno. È importante che loro siano sempre concentrati e al massimo. Noi abbiamo grande facilità di gioco se ci lasciano giocare. Dobbiamo imparare a giocare quando gli altri ci mettono le mani addosso, e dobbiamo farlo oggi. Bruttini non sbaglia mai una scelta, semmai sbaglia un tiro, ma non una scelta."

"Io Capo d’Orlando me la ricordavo così, il pubblico orlandino me lo ricordavo così. Ci hanno trascinato per tutto l’incontro. C’è anche da dire che noi non perdiamo dal 31 gennaio, cos’altro dovevano fare questi ragazzi per avere il sostegno del pubblico? Hanno fatto tutto il possibile e sono felice - conclude l'allenatore - che il pubblico abbia risposto in questa maniera, per noi è meraviglioso giocare in un’atmosfera del genere."

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'Orlandina supera Bergamo, coach Sodini: "Nel secondo tempo i ragazzi hanno risposto bene"

MessinaToday è in caricamento