menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Jordy Piccolin (foto Vincenzo Nicita Mauro)

Jordy Piccolin (foto Vincenzo Nicita Mauro)

Tennistavolo, la Top Spin Messina travolge il Verzuolo

Con un secco 4-0 il team peloritano trionfa in Piemonte e resta sola al comando della classifica. A segno Landrieu Monteiro e Piccolin

Una super Top Spin Messina cala il poker al Verzuolo e festeggia il primato in classifica nel torneo di A1 di tennistavolo. 

Il team del presidente Giorgio Quartuccio si è imposto per 4-0 contro i rivali della finale scudetto del 2019, riuscendo per la prima volta in assoluto a conquistare l’intera posta sul campo dei cuneesi. Quattro successi in altrettante gare e quota 8 raggiunta per i ragazzi guidati dal tecnico Wang Hong Liang che mantengono il comando della graduatoria, a +2 su Apuania Carrara (una partita in meno) e Norbello, staccando di tre
lunghezze i piemontesi del tecnico Valentino Piacentini.

Nel singolare d’apertura Andrea Landrieu si è aggiudicato per 3-0 il confronto, tra imbattuti, con Andrei Putuntica. Il transalpino ha provato subito ad avanzare (3-1), ma il primo set si è mantenuto decisamente in equilibrio (6-6). Quando il moldavo è andato in vantaggio sul 6-7, Landrieu ha replicato con quattro punti di fila, conquistando il set alla seconda palla utile: 11-8. Cammino piuttosto agevole nel secondo parziale, in cui il francese ha piazzato subito l' allungo (6-1), involandosi senza grossi problemi verso l'11-2. Il 2-0 iniziale in favore di Putuntica, nel terzo set, ha messo in guardia Landrieu, autore di sei punti consecutivi. Sul 9-5 il moldavo si è rifatto sotto, effettuando l' aggancio (9-9). Landrieu ha però chiuso i conti: 11-9 e definitivo 3-0.

Per l’A4 Verzuolo Tonoli-Scotta, priva per infortunio di Andrea Puppo, è stato Mattia Garello ad affrontare João Monteiro. Nel primo set il portoghese è subito scattato avanti (5-1) e ha fatto suo il parziale per 11-4 senza grossi grattacapi. Garello ha provato a rendere la vita più ardua a Monteiro nel secondo, tenendo testa fino al 5-5, ma da lì break (6-0) del lusitano e altro set incamerato. Il 5-2 con cui Monteiro ha cominciato la terza frazione ha reso la strada in discesa e, concretizzato il secondo set-point (11-6), è calato il sipario sulla sfida. Sempre suggestivo l’incrocio tra Jordy Piccolin e Daniele Pinto, che si affrontarono nella gara decisiva per l’assegnazione dello scudetto due anni or sono. Il bolzanino è tornato ad alti livelli, recuperando dal 5-3 nel primo parziale. Con otto punti di fila un Piccolin da applausi ha prevalso 11-5. Pinto si è trovato in vantaggio per 3-1 e poi per 8-6 nel secondo set, ma ancora una volta l’atleta della Top Spin è stato bravo a reagire, mettendo a segno un 5-0 con cui ha completamente capovolto i giochi. Addirittura più elevato il coefficiente di difficoltà nella terza frazione, perché il pongista di casa era andato sul 7-1 e Piccolin ha confezionato una clamorosa rimonta, agganciandolo sull’8-8 e chiudendo 11-8, per il 3-0.

Il 4-0 complessivo è arrivato con il nuovo sigillo di Monteiro, abile a superare per 3-1 Putuntica. Senza storia il primo set, terminato 11-3 per il lusitano. Nel secondo il moldavo si è visto riprendere dal 3-2 e, con la situazione in parità sul 5-5, Monteiro ha fatto valere la sua classe, volando fino all’11-7. Terza frazione con Putuntica lanciato (6-3) e poi bravo a mantenere il margine sino in fondo (11-7). Monteiro si è quindi imposto nettamente (11-3) nel quarto parziale, dopo aver dilagato andando sull’8-1. Verzuolo sbancata: un’importante dimostrazione di forza della Top Spin Messina Fontalba, capolista del campionato.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MessinaToday è in caricamento