rotate-mobile
Martedì, 5 Luglio 2022
Volley

B1: gara 1 dei play-off combattutissima tra Perugia e Akademia, le siciliane si arrendono al tie-break

La formazione messine ha strappato due set che potrebbero fare la differenza nel ritorno in casa

Torna a casa con l’onore delle armi la Sanitaria Sicom Akademia Sant’Anna che, a Perugia, cede gara 1 dei Playoff ma conquista 1 punto importantissimo in vista della partita di ritorno, prevista sabato prossimo al Palatracuzzi. Il 3-2 finale con il quale la 3M Perugia si aggiudica il match lascia un pò l’amaro in bocca alla squadra cara al Presidente Fabrizio Costantino, soprattutto perchè l’inizio del match, con il primo set di marca messinese, faceva sperare in un finale di gara diverso. Alla fine alla squadra di casa il merito di aver giocato una bellissima partita, spinta da un calorosissimo pubblico, mentre alle ragazze di Akademia forse è mancata un pizzico di brillantezza nelle fasi decisive del match ma, come aveva ammonito alla vigilia anche Coach gagliardi, le finali si giocano punto a punto e sui dettagli.

Dopo un primo set giocato alla grande dalla Sicom, le peloritane perdono un pò il bandolo della matassa nei successivi due set, salvo poi rifarsi alla grande nel quarto importantissimo set, che regala un punto preziosissimo a Muzi e compagne in vista del match di ritorno. nel tie break le padrone di casa sono brave a mettere subito la testa avanti ed a tenerla fino alla conclusione della gara, nonostante i tentativi di rimonta della squadra ospite. Tutto rimandato alla partita di Messina, quindi, dove la Sicom potrà contare sul supporto del suo pubblico e sulla consapevolezza di potersi giocare ad armi pari questa promozione. Tradizionale starting six di Akademia: sulla diagonale palleggiatore - opposto il capitano Muzi - Varaldo, schiacciatori Martilotti e Liguori, centrali Composto e Cardoni, libero Quarto. Dall’altro lato la formazione ospite si schiera con Manig al palleggio, opposta Bianchini, schiacciatori Giugovaz e Traballi, reparto centrale con Pero e capitan Fava, libero Rota.

Il primo punto del match lo mette a segno la squadra ospite con la schiacciata di Barbara Varaldo, ma la risposta delle avversarie è pronta. Ancora avanti Messina che, questa volta, riesce a piazzare un mini break di 3-0 che vale il momentaneo +3. Perugia non tarda a rispondere e ne piazza due di fila, ma le ragazze allenate da Coach Gagliardi sono abili a ricacciare di nuovo sul meno 3 le avversarie. La squadra allenata da Coach Buonavita tenta nuovamente di ricucire lo strappo, ma Muzi e compagne appaiono determinatissime e, con due servizi super della Varaldo, trovano altri due punti che costringono la panchina di casa a spendere il primo time out dell’incontro (10-5). Al rientro in campo la Sicom non accenna a rallentare e trova un altro punto prima che Perugia riesca a tornare a segno. Costruito il tesoretto, le messinesi riescono a frenare la reazione delle padrone di casa, gestendo per buona parte del set un margine di 4-5 punti, con l’ace di Valentina Martilotti che vale anche il nuovo +6 (17-11). Le umbre non ci stanno e, spinte da un pubblico molto caloroso, si rifanno sotto di 2, costringendo Coach Gagliardi al suo primo time out (17-15). Perugia continua a spingere e piazza l’ace che vale l’importante aggancio. Ambra Composto interrompe il digiuno delle sue e da il là al nuovo pesante allungo ospite, costringendo Perugia al nuovo time out (20-17). La Sicom è determinatissima e torna in campo piazzando altri due punti che valgono il nuovo +5 ospite. Perugia torna a metter la palla a terra nell’altra metà campo e tenta in tutti i modi di ricucire lo strappo, portandosi anche sotto di 2. Messina, però, non vuole saperne di cedere e trova due pesantissimi punti in successione che valgono la conquista del primo set (25-21 Akademia).

Nel secondo set partenza shock la squadra di casa che, complice anche una ricezione non ottimale delle ospiti, ne piazza ben 5 di fila e trova un allungo molto importante. Finalmente arriva la reazione di Akademia con 2 punti in successione, utili a ridurre il gap con le avversarie che, dal canto loro, continuano a premere sull’acceleratore ed a tenere le ospiti distanti di 3-4 lunghezze per tutta la prima metà del set. In alcune occasioni le peloritane riescono anche a trovare i punti del momentaneo -2, ma le ragazze di Coach Buonavita sono abilissime e ricacciare indietro le avversarie. Sul 17-13 per la squadra di casa, Coach Gagliardi tenta la carta del time out, ma il risultato non è quello sperato e Perugia allunga anche fino al pesante +6 (20-14). Nuovo time out chiamato da Messina nel tentativo di arginare le ospiti ma, anche in questo caso, la 3M allunga ulteriormente e mette praticamente la parola fine al secondo set, riportando sul pari il conteggio dei parziali. A nulla servirà la reazione della Sicom che, alla fine, è ben controllata dalle ragazze di casa che riescono a chiudere sul 25-16.

Perugia parte bene anche nel terzo set ed allunga subito di 2. Akademia, questa volta, reagisce subito e si porta sotto di 1. La squadra di Coach Buonavita continua, però, a premere sull’acceleratore e trova l’allungo che vale il momentaneo +6. La Sicom non riesce a trovare le giuste soluzioni e Coach Gagliardi corre ai ripari chiamando il time out (8-2). La Varaldo finalmente riporta le sue a segno, seguita dall’ace della Cardoni. Perugia risponde ma Messina appare più determinata e riduce lo svantaggio a sole 2 lunghezze. Sul 9-7 Coach Buonavita richiama in panchina le sue nel tentativo di interrompere la striscia positiva delle ospiti. La mossa è quella giusta e le umbre tornano a segnare. Molto contestato il fischio del potenziale -1 di Akademia che, invece, porta la squadra di casa sul nuovo +3.

Muzi e compagne tentano con grande determinazione di ricucire lo strappo ma le padrone di casa non vogliono saperne di riportare Messina in partita e riescono a tenerla lontana di 2-3 lunghezze, trovando anche un minibreak che vale il +5 e costringe Coach Gagliardi al time out (16-11). Il largo vantaggio della 3M resiste per lungo tempo: la reazione ospite non è sufficiente a ricucire lo strappo e poco alla volta la squadra di casa si avvicina alla conquista del set. Sul 22-18 Coach Buonavita richiama le sue in panchina per spezzare il ritmo delle ospiti, protagoniste di un break positivo, ed ottiene il risultato sperato, con il ventitreesimo punto delle sue ed il nuovo +5 su Messina. Akademia ne piazza due di fila tentando di impensierire Perugia, ma la squadra di casa trova i due punti che valgono il terzo set e fanno esplodere il pubblico (25-21).

Il primo punto del quarto set è di marca ospite, subito pareggiato da un contestato punto di Perugia. Di nuovo avanti la Sicom che prima ne piazza due di fila, poi trova altri 3 punti in successione che valgono il momentaneo +4 (7-3). Time out della squadra di casa che riesce ad interrompere il trend positivo delle ospiti, tentando anche di ricucire lo svantaggio con 2 punti in successione. Akademia reagisce subito ed allunga ulteriormente grazie ad un ottimo turno in battuta di Giulia Cardoni (per lei anche un bell’ace) che vale il momentaneo +6. Perugia reagisce con determinazione nel tentativo di riportarsi sotto, ma questa volta la squadra ospite mantiene alta la concentrazione e tiene a debita distanza le avversarie per buona parte del set. Perugia prova a rimettersi in carreggiata e ne piazza due di fila, costringendo Coach Gagliardi al time out (18-14) che, però, non trova il risultato sperato: la 3M ne piazza altri tre e si riporta pericolosamente sotto, riaccendendo l’entusiasmo del pubblico di casa.

La Sicom torna a segnare e, siglando due punti consecutivi, si porta sul nuovo +3 che, questa volta, costringe la panchina di casa a spendere il time out (20-17 Messina). ll rientro in campo è ancora di marca messinese, con altri due punti che segnano il momentaneo +5 ospite. Perugia risponde 3 volte e si porta sotto di 2. Si gioca sul filo dei nervi data l’importanza del set e, questa volta, tocca a Coach Gagliardi chiamare il time out (22-20 Sicom). L’attacco di Ambra Composto è out e le umbre trovano il -1 prima che, però, Barbara Varaldo realizza un mani-out che riporta le sue sul +2. Risposta pronta della squadra di casa e nuovo -1, ma Akademia trova il punto che vale il set point. Nuovo -1 di Perugia ma, questa volta, Akademia piazza il punto che vale un importantissimo set (25-23) ed assicura almeno 1 punto alla Sicom.

La partita, quindi, torna in perfetto equilibrio e le due squadre si giocano gara 1 al tie break. La prima palla a terra la piazza Perugia, che parte fortissimo e si porta subito avanti di 3, costringendo Messina al time out. La mossa è quella giusta: Capitan Muzi pesca il jolly dal centro e porta il primo punto del set per le sue, seguito dal muro ospite che vale il momentaneo -1. Perugia reagisce con veemenza e, sospinta dal calore del pubblico, scappa sull’importante +5 (7-2). La Sicom prova a rispondere ma la squadra di casa è attenta a tenere a distanza le ospiti. L’ace della Cardoni vale il momentaneo -3 di Messina, che determina il time out chiamato dalla panchina di casa (9-6 Perugia). La 3M torna in campo e ne fa 2 di fila, trovando il +5 che costringe, questa volta, Coach Gagliardi al time out (11-6). Akademia trova 3 punti consecutivi che valgono il nuovo -2 delle messinesi, con il conseguente time out di Coach Buonavita (12-10). La Sicom continua a spingere e trova il momentaneo -1, ma Perugia torna a segnare nel momento decisivo e trova 3 punti in successione che portano alla vittoria definitiva la squadra di casa (15-11). Il tabellino del match:

3M PERUGIA-AKADEMIA MESSINA 3-2 (21-25, 25-16, 25-21, 23-25, 15-11)

PERUGIA: Belotti ne, Volpi 0, Traballi 23, Anastasi ne, Rota (L) 0, Giugovaz 14, Patasce 0, Bianchini 21, Mazzasette ne, Fava 6, Pero 8, Manig 3. All. Buonavita

MESSINA: Varaldo 18, Fabbo ne, Composto 20, Martilotti 11, Anselmo 0, Muzi (C) 4, Quarto 0, Iannone 0, Liguori 4, Garofalo 0, Pisano ne, Cardoni 12. All. Gagliardi

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

B1: gara 1 dei play-off combattutissima tra Perugia e Akademia, le siciliane si arrendono al tie-break

MessinaToday è in caricamento