rotate-mobile
Mercoledì, 19 Gennaio 2022
Volley

B1: primo stop in campionato per l’Akademia Sant’Anna che porta comunque a casa un punto

La trasferta di Otranto contro Melendugno finisce al tie-break nonostante un avvio promettente delle messinesi

Lo aveva detto alla vigilia Coach Gagliardi che sarebbe stata una partita complicata. Ed alla fine cosi è stato: la Sanitaria Sicom Akademia Sant’Anna subisce la prima battuta d’arresto in questo campionato e perde per 3-2 il big match della nona giornata contro la Narconon Melendugno. Prestazione superlativa della squadra di casa che, sospinta anche da un bellissimo pubblico, è riuscita a strappare la vittoria alla capolista giocando un’ottima pallavolo e con una grande prova difensiva. Dal canto suo le ragazze del club di Fabrizio Costantino, prive ancora di Deborah Liguori, in alcuni momenti della partita hanno peccato di qualche errore di troppo e di poca incisività a muro, senza trovare la giusta lucidità nel momento in cui la squadra di casa scappava via nel punteggio. Alla fine, però, la Sicom torna a casa con un punto prezioso e con la consapevolezza di volersi rifare immediatamente.

Per la Sicom lo starting six è nuovamente quello della partita in casa con Palmi, con Deborah Liguori ancora ferma ai box. Sulla diagonale palleggiatore - opposto Muzi - Varaldo, schiacciatori Martilotti e Garofalo, centrali Composto e Cardoni, libero Pisano. Per le ospiti al palleggio Mileno e come opposta Morone, centrali Albano - Antignano, schiacciatori la coppia Kostadinova e Alikaj, libero Luraghi.

Fase iniziale di assoluto equilibrio: Messina prova a scappare e si porta avanti nel punteggio ma la squadra di casa è abile a rispondere immediatamente ed a non fare scappare le ospiti. Akademia tenta un primo allungo con un primo allungo con un buon turno in battuta di Margherita Muzi (break di 3-0). Melendugno appare molto concentrata e riacciuffa le ragazze allenate da Nino Gagliardi che, dal canto loro, gestiscono con grande determinazione il ritorno delle avversarie ed allungano immediatamente sul nuovo + 3 (buon turno in battuta di Valentina Martilotti).

Nonostante la partita sembri molto equilibrata le ospiti riescono a tenere a debita distanza le padrone di casa che, con il passare dei minuti, iniziano ad accusare la pressione delle messinesi e commettono qualche errore di troppo, utile alla Sicom per prendere il largo. Il coach di casa per due volte tenta di scuotere le sue (sul 13-9 e sul 18-13) ma Akademia, nonostante Melendugno tenti di riportarsi sotto, non molla di un centimetro e poco alla volta allunga nel punteggio, fino al 25-17 che concede il primo set alle messinesi.

Reazione perentoria di Melendugno che ad inizio del secondo set piazza una partenza sprint che sorprende le ospiti e le costringe all’inseguimento. Sotto di 4, però, le ragazze di Gagliardi iniziano a macinare gioco e si riavvicinano. La gara si fa bella ed avvincente: la formazione di Ida Taurisano ci crede e, sospinta anche da un pubblico rumorosissimo, mantiene con le unghie e con i denti il piccoli vantaggio costruito ed allunga anche sul nuovo + 4 (9-5). Akademia tenta di rimettersi in carreggiata ma non riesce a trovare il bandolo della matassa: la formazione di casa gioca sulle ali dell’entusiasmo e si porta anche sul +6 (16-10) che costringe Gagliardi al time out. Il risultato non è quello sperato e il coach delle messinesi, sul 20-13 per Melendugno, richiama di nuovo le sue in panchina. Arriva la reazione della Sicom: buon turno in battuta di Ambra Composto e break di 3-0 per le sue che costringe Coach Taurisano a spendere un time out. Interrotto il trend positivo delle ospiti, Antignano e compagne tornano a mettere la palla a terra e poco alla volta allungano fino al 25-17 che vale la parità nel conteggio dei set. 

Inizio del terzo set in assoluto equilibrio, con entrambe le squadre che provano a portarsi avanti nel punteggio ma vengono immediatamente raggiunte. La Narconon appare ancora galvanizzata dalla vittoria nel secondo set e tenta un piccolo allungo (6-3) che costringe Gagliardi a richiamare le sue per mettere ordine in campo. Le padrone di casa, però, continuano a giocare con convinzione ed allungano anche sul +5. Akademia prova la reazione alzando la concentrazione in difesa e l’incisività in attacco: la squadra di casa appare molto concentrata e tenta di arginare il ritorno delle ospiti ricacciandole sempre indietro. Quando i punti di vantaggio diventano solo 2, Coach Taurisano scuote le sue richiamandole in panchina e raggiunge l’obiettivo desiderato, rispedendo le ospiti sotto di 4.

Dopo diversi tentativi non andati a buon fine, Messina riesce finalmente a portarsi sotto di 2, ma le padrone di casa strappano di nuovo e si portano sul +4 (19-15) che costringe Coach Gagliardi al nuovo time out che, però, non sortisce gli effetti desiderati, ed anche al cambio in cabina di regia, con l’ingresso della Fabbo al posto del capitano.. Il team di Fabrizio Costantino non riesce a trovare le giuste soluzioni e la Narconon allunga ulteriormente, fino a chiudere con un 25-18 finale che determina il vantaggio nel conteggio dei set.

Messina parte bene nel quarto set. Decisa a rimettere in equilibrio la partita, scappa avanti di 3 e prova anche ad allungare ulteriormente, nonostante la squadra di casa difenda con estrema determinazione. Quella di questo set, però, appare una Sicom completamente diversa e se ne accorge anche il Coach di casa che, sul +5 per le ospiti (8-3) richiama le sue in panchina. Messina prosegue la sua striscia positiva ed allunga anche fino al +7 prima che la Narconon interrompa il digiuno di punti. Le ospiti non mollano la presa e continuano ad allungare il margine di vantaggio, lasciando poco spazio a qualsiasi tentativo di ritorno di Melendugno. Alla fine Akademia si aggiudica il quarto set con un larghissimo 25-11 e porta la partita al quinto set.

Tie-break tutto da vivere. Atteggiamento decisamente diverso della squadra di casa che parte bene e si porta sul +3 che costringe Gagliardi al time out. La squadra di casa, però, difende benissimo ed annulla tutti gli attacchi avversari, riuscendo ad allungare ulteriormente nel punteggio. Messina sbaglia due battute di fila e regala punti decisivi alle padrone di casa per mantenere il +4 a metà del set. La Narconon gioca con maggiore grinta e si allontana fino al 10-5. Il Coach ospite chiama time out ma la musica non cambia e la squadra di casa allunga ancora. Akademia non riesce a trovare scioltezza e determinazione visti nel quarto parziale di gioco ed alla fine arriva il 15-8 che consegna la partita alla Narconon Melendugno. Il tabellino del match:

Narconon Melendugno - Sanitaria Sicom Akademia Sant’Anna: 3-2 (17-25, 25-17, 25-18, 11-25, 15-8)

Narconon Melendugno: Kostadinova 19, Mileno 2, Greco 2, Albanese ne, Albano 9, Basciano 0, Morone 11, Luraghi (L) 0, Tamborino M. (L) 0, Antignano (C) 8, Alikaj 10, Pettinari ne, Tamborino G 0. All. Taurisano, Ass. Cesari

Sicom Akademia Sant’Anna: Varaldo 6, Fabbo 0, Composto 9, Martilotti 24, Anselmo ne, Muzi (C) 2, Quarto 1, Iannone 1, Liguori ne, Garofalo 12, Pisano (L) 0, Cardoni 13. All. Gagliardi, Ass. Mori

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

B1: primo stop in campionato per l’Akademia Sant’Anna che porta comunque a casa un punto

MessinaToday è in caricamento