Mercoledì, 4 Agosto 2021
Fabrizio

Fabrizio

Rank 0.0 punti

Iscritto venerdì, 24 gennaio 2020

Ostile alla città ma i “buddaci” gli dedicano il Palazzo: segreti e storia di Antonio Zanca, ingegnere avido e modesto

"Egregio arch. Celona,
sono Fabrizio Zanca e scrivo in nome e per conto dell’intera famiglia per rappresentarle il nostro disappunto nel leggere sulle colonne di Messina Today un articolo da Lei firmato che riguarda Antonio Zanca, mio bisnonno e esimio professore delle Università di Cagliari, Messina (dove ha insegnato fino al 1909 Disegno d'Ornato e Architettura elementare) e Palermo dal 1903 al 1934. Insieme ad allievi e maestri, quali Enrico Calandra, Francesco Basile, Camillo Autore e Giuseppe Samonà, costituirà un importante laboratorio di sperimentazione progettuale.
Secondo Lei, “Antonio Zanca fu un modesto ingegnere panormita”, “un taccagno, uno speculatore o uno sprovveduto…” (frase quest’ultima che, seppure posta con punto di domanda, sembra rispecchiare perfettamente il suo discutibile parere).
Eppure i numerosi riconoscimenti istituzionali a celebrazione della sua rilevanza nel panorama architettonico siciliano sembrano dimostrare tutt’altro!
A lui sono intitolate un’aula della Facoltà di Ingegneria (prossima a quella dedicata al prof. Damiani Almejda), una piazzetta e, in ultimo e a cura della Facoltà di Architettura, un Fondo che raccoglie memorie, disegni e progetti del professore Zanca.
Non so se ha mai avuto modo di leggere o solo di consultare il volume su “La Cattedrale di Palermo”, opera del “modesto ingegnere” da lei così ingiustamente denigrato, alla quale dedicò gran parte della sua vita e che ne fece uno dei massimi e riconosciuti esperti del monumento.
Se avrà occasione di passare da Palermo, mi farà piacere accompagnarla a visitare i locali del “Fondo Zanca e Caronia” presso l’Università di Palermo per dare un’occhiata alle opere lì conservate, in modo da potersi fare un’idea meno parziale e confusa sul personaggio.
Augurandoci tutti che possa in qualche modo rivedere il suo parziale punto di vista, Le invio
distinti saluti.

Fabrizio Zanca - Renato Zanca – Renata Pucci Zanca – Gabriella Saladino – Maria Gabriella Pucci – Antonio Zanca – Valentina Zanca – Susanna Zanca – Maria Catena Zanca – Laura Zanca – Marco Zanca – Paolo Zanca – Federica Zanca – Federico Corrao – Barbara Corrao – Mariapia Saladino – Giulia Rompel Zanca – Antonella Romano Zanca – Arianna Zanca – Adriano Zanca"

1 commenti

Ostile alla città ma i “buddaci” gli dedicano il Palazzo: segreti e storia di Antonio Zanca, ingegnere avido e modesto

"Egregio arch. Celona,
sono Fabrizio Zanca e scrivo in nome e per conto dell’intera famiglia per rappresentarle il nostro disappunto nel leggere sulle colonne di Messina Today un articolo da Lei firmato che riguarda Antonio Zanca, mio bisnonno e esimio professore delle Università di Cagliari, Messina (dove ha insegnato fino al 1909 Disegno d'Ornato e Architettura elementare) e Palermo dal 1903 al 1934. Insieme ad allievi e maestri, quali Enrico Calandra, Francesco Basile, Camillo Autore e Giuseppe Samonà, costituirà un importante laboratorio di sperimentazione progettuale.
Secondo Lei, “Antonio Zanca fu un modesto ingegnere panormita”, “un taccagno, uno speculatore o uno sprovveduto…” (frase quest’ultima che, seppure posta con punto di domanda, sembra rispecchiare perfettamente il suo discutibile parere).
Eppure i numerosi riconoscimenti istituzionali a celebrazione della sua rilevanza nel panorama architettonico siciliano sembrano dimostrare tutt’altro!
A lui sono intitolate un’aula della Facoltà di Ingegneria (prossima a quella dedicata al prof. Damiani Almejda), una piazzetta e, in ultimo e a cura della Facoltà di Architettura, un Fondo che raccoglie memorie, disegni e progetti del professore Zanca.
Non so se ha mai avuto modo di leggere o solo di consultare il volume su “La Cattedrale di Palermo”, opera del “modesto ingegnere” da lei così ingiustamente denigrato, alla quale dedicò gran parte della sua vita e che ne fece uno dei massimi e riconosciuti esperti del monumento.
Se avrà occasione di passare da Palermo, mi farà piacere accompagnarla a visitare i locali del “Fondo Zanca e Caronia” presso l’Università di Palermo per dare un’occhiata alle opere lì conservate, in modo da potersi fare un’idea meno parziale e confusa sul personaggio.
Augurandoci tutti che possa in qualche modo rivedere il suo parziale punto di vista, Le invio
distinti saluti.

Fabrizio Zanca - Renato Zanca – Renata Pucci Zanca – Gabriella Saladino – Maria Gabriella Pucci – Antonio Zanca – Valentina Zanca – Susanna Zanca – Maria Catena Zanca – Laura Zanca – Marco Zanca – Paolo Zanca – Federica Zanca – Federico Corrao – Barbara Corrao – Mariapia Saladino – Giulia Rompel Zanca – Antonella Romano Zanca – Arianna Zanca – Adriano Zanca"

1 commenti
MessinaToday è in caricamento