VIDEO | Policlinico, nel giorno del Ciclotrone l'abbraccio tra Tomasello e Cuzzocrea

Al padiglione E l'entrata in funzione della macchina per la sintesi dei radiofarmaci, ex e attuale rettore si attribuiscono i meriti della continuità istituzionale sul progetto nato dieci anni fa circa ma mai realizzato

Nel giorno dell'entrata in funzione al Policlinico del Ciclotrone, la macchina per la sintesi di radiofarmaci, l'abbraccio e l'unione di intenti tra l'ex rettore Franco Tomasello, oggi a capo della Kore di Enna, e l'attuale Salvatore Cuzzocrea. La campagna elettorale del 2024 in Ateneo non è poi così lontana. Nell'aula magna del padiglione E del Policlinico universitario la presentazione dell'avvio delle attività del Ciclotrone e le accuse di Cuzzocrea ai suoi predecessori che nel 2016 avevano inaugurato una struttura senza che entrasse mai in funzione.

Progetto del Ciclotrone, in grado di accelerare particelle nucleari che vengono poi inviate su un bersaglio che, a causa dell’urto, produce atomi radioattivi utilizzati per radiofarmaci a uso clinico e per la ricerca (costo totale una decina di milioni di euro), avviato durante il rettorato Tomasello e che oggi Cuzzocrea ne rivendica l'effettiva entrata in funzione accanto al commissario del Policlinico Bonaccorsi, al direttore di Medicina Nucleare Baldari, al direttore sanitario Murolo, al direttore amministrativo. Amata.

E ancora una volta Cuzzocrea non ha mancato di rivendicare i meriti e degli obiettivi ottenuti dalla sua attività amministrativa nel segno della continuità istituzionale con uno dei suoi predecessori, Tomasello, che è intervenuto durante l'incontro sottolineando a sua volta i meriti di Cuzzocrea.

Tomasello: "Cuzzocrea ha elencato un report veritiero sul Ciclotrone ed è un merito, l'altro merito aver asseverato la continuità istituzionale tra precedenti e attuale governance universitaria e io sono felice che uno dei miei successori abbia portato a termine il progetto". Baldari ha spiegato il funzionamento del Ciclotrone e i risultati che si andranno a ottenere.  

Si parla di

Video popolari

MessinaToday è in caricamento