Mercoledì, 22 Settembre 2021

"Il tuo sorriso splenderà sempre nei nostri cuori", alla parrocchia di Gazzi l'addio a Jenny Silvestro | VIDEO

Alla Chiesa San Nicola di Bari Padre Scolaro ha celebrato le esequie della trentenne morta il 30 aprile all'ospedale Piemonte dopo 24 ore di nausea e mal di testa e i primi controlli al Policlinico. Il dolore del marito che ha gridato tutto il suo amore alla ragazza, lo sconforto delle amiche che hanno lanciato in cielo palloncini e lettere e un poster con una frase simbolo

"Il tuo sorriso splenderà sempre nei nostri cuori": un poster con il volto della trentenne Jenny Silvestro e una frase ha accolto tutti coloro che si sono fermati nel pomeriggio all'ingresso della Chiesa San Nicola di Bari a Gazzi. Jenny non c'è più, è morta all'ospedale Piemonte il 30 aprile scorso e c'è un'inchiesta in corso per accertare se si sia trattato di un caso di malasanità. Nausea e mal di testa per 24 ore come sintomi dopo i primi controlli al Policlinico e la morte al nosocomio di viale Europa. "Come si può morire a trent'anni in questo modo?" - si chiedono in tanti che trattengono a stento il pianto. Ai funerali non mancava nessuno, il sorriso di Jenny non sarà dimenticato facilmente. Padre Pietro Scolaro ha confortato i parenti con l'unico messaggio che il Vangelo possa offrire: la Vita eterna dopo la morte, sollievo cristiano al dolore del marito che al termine della celebrazione eucaristica ha gridato tutto il suo amore alla donna che non ha più mentre il futuro non sarà più lo stesso. Le amiche hanno lanciato in cielo palloncini e le lettere con il nome della dolce compagna tra lunghissime lacrime impossibili da fermare e la voce di Anna Tatangelo. Sabato scorso l'autopsia non aveva ancora stabilito le cause del decesso, servono ulteriori analisi. Sette i medici iscritti nel registro degli indagati.

Trentenne muore al Piemonte, aperta inchiesta

Si parla di

Video popolari

"Il tuo sorriso splenderà sempre nei nostri cuori", alla parrocchia di Gazzi l'addio a Jenny Silvestro | VIDEO

MessinaToday è in caricamento