Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | Vaccini contagi e Usca, Furnari: “Ora siamo un esercito pronto a fronteggiare ogni disagio”

Dalla catastrofe all’ottimismo, il commissario straordinario per l'emergenza Covid spiega i provvedimenti dell'ufficio e come stanno procedendo gli screening. "La zona rossa ha funzionato, ma non dobbiamo abbassare la guardia”. E sul suo futuro da dirigente? “Me lo auguro, non per forza all’Asp di Messina”

 

La zona rossa ha funzionato ma non bisogna abbassare la guardia. A spiegare l'andamento epidemiologico del coronavirus in città Marzia Furnari, il commissario straordinario per l'emergenza covid, a lavoro da quasi due mesi negli uffici del Dipartimento di Ingegneria del Papardo dove ha sede l'ufficio commissariale.

Fra i nuovi provvedimenti messi a punto dal team Furnari, l'istituzione di una Usca per le Case di Riposo. "I centri per gli anziani sono stati attenzionati per i focolai importanti che si sono verificati al loro interno e che hanno dato vittime - sottolinea a Messina Today - Il team di specialisti ha stilato delle relazioni più o meno positive rispetto a quello che è stato riscontrato. Adesso questa Usca a Messina integrerà al suo interno, oltre ai medici e ai tecnici della prevenzione, anche psicologi per il supporto tanto degli anziani quanto delle famiglie". 

La nomina del commissario ad acta ha cambiato totalmente la gestione dell'epidemia a Messina. "Ma chi era presente prima di me ha lavorato moltissimo con poche risorse e senza l'organico necessario dando delle risposte comunque molto importanti - chiarisce Marzia Furnari - L'emergenza in questa città aveva bisogno di una spinta maggiore ed è chiaro che con la struttura commissariale sono arrivate anche più forze e più operatori. Adesso siamo un esercito che fa fronte a tutti i disagi presentati dalle persone". 

In questi giorni si aspette la conferma che la Sicilia possa passare in zona gialla già dalla prossima settimana. Per Messina, che a gennaio ha vissuto la zona "ultrarossa", l'andamento dei contagi è cambiato. "Ma non è un liberi tutti anzi, voglio raccomandare alle persone di stare ancora attente - ha ribadito Furnari - A gennaio c'era una catastrofe numerica con un indice di positivà che andava oltre il 34% sui tamponi effettuati. La zona rossa ha portato risultati perché il virus è circolato di meno. Finalmente abbiamo siamo scesi al 12% di tamponi positivi su quelli effettuati ma non è ancora un dato felice". 

Occhi puntati adesso sui vaccini che, dal 20 febbraio, cominceranno a essere impartiti agli over 80%. "Nella prima giornata di prenotazioni abbiamo avuto tante richieste e questo è un dato positivo - ha aggiunto Furnari - Recluteremo il personale dalla graduatoria nazionale per coprire tutte le richiste. Intanto stanno per essere completate anche le seconde dosi a chi è stato vaccinato durante la prima fase". 

L'emergenza coronavirus ha fatto emergere delle criticità legate intrinseche all'organizzazione dell'Asp e problematicità legate all'efficace risposta ai bisogni dei cittadini. Sul futuro manageriale dell'azienda messinese Marzia Furnari non si esprime. "Aspiro ad assumere il ruolo di dirigente, ma non per forza a Messina", ha chiosato. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
MessinaToday è in caricamento