Incendio mortale in via Boner, la pista della sigaretta rimasta accesa

La morte di Anna Alibrandi potrebbe essere stata provocata dalla cicca non spenta che avrebbe causato il rogo. I rilievi di vigili del Fuoco e polizia

Via Boner durante i soccorsi nell'appartamento

Le indagini devono ancora dare certezze. I rilievi dei vigili del fuoco e della polizia attribuiscono a una sigaretta la causa dell'incendio che giovedì sera ha incenerito l'appartamento di via Boner uccidendo senza scampo la 70enne Anna Alibrandi. Le verifiche proseguono ma a quanto pare sarebbe stata la cicca accesa a provocare il rogo killer. Nelle prime ore si pensava che fosse stata una stufa come avvenuto nella sera di San Silvestro a Montepiselli, dove perse la vita Rosina Pintabona, a innescare le fiamme. La donna si sarebbe addormentata non accorgendosi di avere ancora la sigaretta accesa. Ma siamo ancora nel campo delle ipotesi in attesa che l'inchiesta faccia piena luce. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Incendio in via Boner, vittima una donna 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Denuncia per vilipendio al sindaco, lettera di un giovane messinese: “Ho paura anche io, ma De Luca esagera”

  • Spara in una tabaccheria al rione Provinciale, ferisce una donna e poi si uccide

  • Il capo della polizia ferma De Luca: "Vietato l'uso dei droni"

  • I colpi di spranga alla moglie, la richiesta di un gratta&vinci e poi gli spari al tabacchino: cronaca di una mattinata di follia

  • Coronavirus, 50mila mascherine dalla Cina a Merì: il grande gesto di solidarietà in onore del maestro Chinnici

  • Coronavirus, posti letto al padiglione H del Policlinico già saturi: si aprono nuovi reparti

Torna su
MessinaToday è in caricamento