rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Salute

Quante ore dormire a notte per dimagrire? Tutto sullo studio americano

Secondo i ricercatori prolungare la durata del sonno riduce l’apporto calorico e aiuta a prevenire l’aumento di peso

Numerosi studi suggeriscono che dormire meno di 7 ore a notte danneggia la salute. In particolare, un’insufficiente durata del sonno è considerata come un importante fattore di rischio per l'aumento di peso. Studi sperimentali di laboratorio hanno scoperto che dormire poche ore a notte aumenta l'apporto energetico medio di circa 250-350 kcal al giorno. Tuttavia, queste ricerche non non state svolte in un contesto di vita reale, quindi non considerano molti altri fattori (ad es. le interazioni sociali, l’attività fisica, la dieta, ecc) che possono influenzare l'assunzione o il dispendio energetico e il peso. Fino ad oggi non era noto se prolungare la durata del sonno potesse essere una strategia efficace per ridurre l’assunzione di energia e prevenire l'aumento di peso. Ad aver condotto il primo studio clinico per indagare tale connessione in un contesto vita reale, sono stati i ricercatori del Centro del Sonno dell'Università di Medicina di Chicago. La ricerca, pubblicata su JAMA Internal Medicine, ha identificato un possibile modo per ridurre l'assunzione di calorie e quindi perdere peso senza seguire diete particolari o praticare esercizio fisico. Secondo ricercatori, per tenere sotto controllo il peso basta semplicemente trascorrere qualche ora più nel letto.  

Lo studio

I ricercatori hanno reclutato 80 adulti, di età compresa tra 21 e 40 anni, in sovrappeso che di solito dormivano meno di 6,5 ore a notte, e li hanno divisi in due gruppi: i 40 soggetti del gruppo di estensione del sonno hanno per due settimane esteso di 1,2 ore a notte la durata del sonno, i 40 soggetti del gruppo di controllo hanno continuato a rispettare le ore di sonno a cui erano abituati. Per monitorare obiettivamente l'apporto calorico dei partecipanti, i ricercatori li hanno sottoposti a un particolare esame basato sul test delle urine (questo esame è considerato il gold standard per misurare oggettivamente la spesa energetica giornaliera in un ambiente non di laboratorio). 

Uno dei vantaggi di questo studio è che è stato condotto non in laboratorio ma in un contesto reale. I partecipanti hanno, infatti, dormito nei propri letti, indossando dispositivi per monitorare il sonno, e trascorso le loro giornate come al solito, seguendo la solita alimentazione e esercitandosi come prima dell’esperimento. "Abbiamo istruito ogni partecipante - ha affermato Esra Tasali, MD, direttrice del Centro del Sonno dell’Università di Medicina di Chicago - su una buona igiene del sonno fornendo consigli personalizzati per migliorare la durata del sonno, come ad esempio limitare l'uso di dispositivi elettronici prima di coricarsi”.

Dormire un'ora in più a notte aiuta a perdere peso

I ricercatori hanno riscontrato che dormire 1,2 ore in più a notte ha portato nei soggetti del gruppo di estensione del sonno a una riduzione dell'apporto calorico complessivo di circa 270 kcal al giorno: ciò significa che la variazione della durata del sonno era inversamente correlata alla variazione dell'assunzione di energia. Dopo due settimane dall’inizio dell'esperimento, l'apporto calorico - l'energia consumata attraverso cibi e bevande - risultava inferiore alle calorie bruciate dai partecipanti, il che a lungo termine porterebbe alla perdita di peso.

“Questo studio - hanno dichiarato i ricercatori - ha rilevato che l'estensione del sonno riduce l'assunzione di energia e determina un bilancio energetico negativo in contesti di vita reale tra gli adulti in sovrappeso che abitualmente dormono poco. Migliorare e mantenere una sana durata del sonno per periodi più lunghi potrebbe essere un valido intervento per la prevenzione dell'obesità e per i programmi di perdita di peso”.  

Dormire più di 8 ore a notte potrebbe far perdere circa 12 kg in 3 anni

Altro dato interessante emerso dallo studio è che se questa riduzione dell'apporto calorico, conseguenza di un aumento delle ore di sonno a notte, viene mantenuta per tre anni, si potrebbero perdere in questo arco temporale fino a 12 kg. Nello studio, è stato infatti osservato che la maggior parte dei partecipanti che dormiva di più mangiava di meno nonostante non fosse stato detto loro di farlo, con alcuni che assumevano fino a 500 calorie in meno al giorno.

"Nel nostro lavoro precedente - ha dichiarato Tasali - abbiamo capito che il sonno è importante per la regolazione dell’appetito. Ora abbiamo dimostrato che nella vita reale, senza apportare altri cambiamenti allo stile di vita, puoi prolungare il sonno e assumere meno calorie. E questo potrebbe aiutare realmente le persone che cercano di perdere peso”. Alla luce di questi risultati, i medici potrebbero, così, introdurre tra le raccomandazioni per perdere peso oltre a una dieta sana e a un’attività fisica regolare, anche il consiglio di dormire un'ora in più a notte.

 Fonte Today. it

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Quante ore dormire a notte per dimagrire? Tutto sullo studio americano

MessinaToday è in caricamento