Martedì, 15 Giugno 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Rapina in tabaccheria, arrestati tre giovani: il video dell'operazione

Il colpo è avvenuto sabato scorso sul viale Europa. Commerciante minacciato e costretto a consegnare circa 6000 euro e diversi pacchetti di sigarette. La Polizia ha chiuso il cerchio anche grazie alle immagini di videosorveglianza

Hanno un nome e un volto i tre giovani che sabato hanno rapinato un tabacchino di viale Europa. 

Si tratta dei messinesi, già noti alle forze dell'ordine, Giuseppe Esposito di 26 anni, Kevin Schepis di 20 anni, e Giuseppe Surace di 33 anni. Quest’ultimo, in stato di irreperibilità, già destinatario di un ordine di carcerazione emesso il 18 ottobre dello scorso anno, e condannato a 4 anni e 8 mesi per rapina. 

La polizia ha chiuso il cerchio poche ore dopo il colpo. I tre sono entrati nel negozio con il volto travisato tenendo in pugno pistole e un fucile a canne mozze. Sotto la minaccia delle armi hanno costretto il gestore del tabacchino a consegnare circa 6000 euro,l'incasso di giornata, oltre a diversi pacchetti di sigarette.

Successivamente i tre rapinatori si sono allontanati a bordo di uno scooter. Sul posto sono intervenuti immediatamente i poliziotti  che hanno velocemente ricostruito la dinamica dell’episodio e, attraverso la visione delle immagini del sistema di videosorveglianza installato nel negozio, sono riusciti a risalire all’identità degli autori della rapina.

Avviate subito le ricerche, i tre soggetti sono stati rintracciati e arrestati all’interno di unappartamento Iacp, situato nelle immediate vicinanze della tabaccheria.

E proprio nell'abitazione, gli agenti hanno ritrovato gli abiti che avevano addosso i tre ragazzi durante il colpo, le armi utilizzate nonché il bottino. Lo scooter, risultato oggetto di furto denunciato il 26 ottobre scorso, e la refurtiva sono stati restituiti agli aventi diritto.

Gli arrestati, invece., sono stati trasferiti nel carcere di Gazzi a disposizione dell'autorità giudiziaria. Dovranno rispondere dei reati, in concorso tra loro, di rapina aggravata,
porto e detenzione di armi clandestine e ricettazione.

Si parla di
Sullo stesso argomento

Video popolari

Rapina in tabaccheria, arrestati tre giovani: il video dell'operazione

MessinaToday è in caricamento