Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | Ambulanti abusivi, operazione di Finanza e Annona sul viale Europa: scattano le denunce

I finanzieri individuano un lavoratore in nero con reddito di cittadinanza, multa a un venditore di prodotti ortofrutticoli privo di autorizzazione

 

I militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Messina, con il  personale della locale Polizia Municipale - Sezione Annona - hanno condotto una significativa operazione a contrasto del sommerso da lavoro, dell’ambulantato selvaggio e del commercio abusivo.

In particolare, nel corso di specifiche congiunte attività di controllo del territorio, volte a scongiurare il perpetrarsi di attività illecite con ricadute negative sul mercato economico locale, i finanzieri ed il personale dell'Annona hanno individuato e verbalizzato un soggetto intento alla vendita di prodotti ortofrutticoli, privo di qualsivoglia autorizzazione e/o concessione. In tale contesto, è stato individuato anche un lavoratore “in nero” alle dipendenze dell’operatore commerciale controllato.

L’attività, che ha interessato il Viale Europa, uno dei punti nevralgici della città, maggiormente caratterizzato da forme diffuse di illegalità della specie, ha permesso di sottoporre al sequestro un autocarro ad uso commerciale, privo di autorizzazione e/o concessione, nonché un ingente quantitativo di prodotti ortofrutticoli, per complessivi kg. 2.000 circa, del valore commerciale di circa tremila euro, donati all’Istituto Antoniano di Messina, rinomato per la vocazione caritatevole che riveste in città.

Il controllo, inoltre, ha permesso di accertare come il lavoratore “in nero” scoperto risultasse anche percettore del sussidio più noto come “reddito di cittadinanza”, immediatamente segnalato agli uffici INPS per i provvedimenti di competenza. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
MessinaToday è in caricamento