Mercoledì, 23 Giugno 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | Rifiuti lanciati dal finestrino dell'auto, è caccia “al re dei porci”

Immortalato dalle telecamere e postato nel profilo fb del sindaco un sacchetto che vola via da una Smart in via Bonino. “Facciamo doppia fatica con doppi costi che pagheremo tutti noi contribuenti”

Una beccata ieri, per l'altro siamo sulla buona strada. E' caccia agli zozzoni come documentato nel profilo facebook del sindaco di Messina che ha postato oggi il video che documenta il lancio di un sacchetto di spazzatura da una Smart bianca in via Bonino.

Il video è di ieri, 5 agosto, intorno alle 18. “Noi non ci vogliamo giustificare - scrive il sindaco Cateno De Luca - e non intendiamo sottrarci dalle nostre responsabilità però così facciamo doppia fatica con doppi costi che pagheremo tutti noi contribuenti. Comunque siamo già sulle tracce del Re dei Porci!”.

Il giorno prima, lo stesso sfogo con le immagini stavolta di una donna a bordo di uno scooter che riempie di suppellettili i cassonetti della spazzatura in via Palermo facendo una serie di viaggi. Per quest'ultima è scattata la multa. “Da settimane la stavamo monitorando  - scrive il sindaco - Con questa tipologia di zozzoni non è necessario l’esercito? Vi rendete conto quante risorse lavorative messina servizi deve distogliere dal servizio ordinario per far fronte a queste porcate?”.
 

Zozzona-2

Proprio ieri nel Salone delle Bandiere si è svolto l'incontro per l’analisi e la soluzione delle criticità emerse in queste settimane con riferimento al servizio di raccolta differenziata. Man mano che aumentano le zone servite dalla raccolta differenziata si registra un corrispondente fenomeno di migrazione dei rifiuti che vengono conferiti nelle zone dove ancora persistono i cassonetti da parte di quei cittadini che non intendono adeguarsi al nuovo sistema porta a porta.

Per arginare questo fenomeno la MessinaServizi incrementerà il sistema di raccolta istituendo un doppio turno di svuotamento dei cassonetti, adeguando gli orari di tali turni di svuotamento in fasce adeguate alle alte temperature di questi giorni, procedendo alla sanificazione e disinfestazione delle postazioni di raccolta. Inoltre sarà potenziato il servizio di rimozione delle micro-discariche scaturenti dall’eccessivo ed anomalo conferimento utilizzando i mezzi meccanici adeguati. Inoltre dal 17 agosto 2020 saranno rimossi i rimanenti cassonetti a carico laterale ancora posizionati nelle quarte zone delle aree sud e nord e ivi quindi sarà avviato definitivamente il sistema di raccolta differenziata porta a porta. Contestualmente verrà rinforzato il servizio della Polizia Municipale, incrementando di ulteriori 10 unità la squadra di Coordinamento Ambientale per la repressione delle condotte illecite nei conferimenti dei rifiuti che, solo nelle ultime settimane, ha consentito di elevare verbali e irrogare sanzioni per oltre 300 mila euro.
Il Comune ha annunciato anche un piano straordinario di collocazione di almeno 1000 telecamere per la repressione dei reati ambientali che verranno gestite dalla Polizia Municipale e che consentirà di debellare finalmente il fenomeno delle discariche abusive disseminate sul territorio cittadino. Su esplicita richiesta del sindaco e degli assessori Musolino e Minutoli il Dipartimento Servizi Ambientali si procederà alla semplificazione della procedura per l’affidamento, previa sottoscrizione dell’atto di sottomissione a Messina Servizi, del servizio di raccolta e rimozione rifiuti speciali e pericolosi abbandonati negli alvei torrentizi.

Prevista la collocazione e geolocalizzazione dei 1000 contenitori delle deiezioni canine (già collocati oltre 350 contenitori) e sui contenitori getta carte, che tra qualche giorno saranno collocati sempre dalla MessinaServizi. Il Tavolo tornerà a riunirsi l’11 agosto per una verifica sullo stato dell'arte.

E' emerso anche, grazie al lavoro di incrocio dei dati delle utenze idriche con i dati in possesso degli uffici finanziari, la presenza di ventimila utenze fantasma che stanno per ricevere gli avvisi di accertamento per il pagamento della Tari evasa negli ultimi 5 anni. 

Si parla di

Video popolari

VIDEO | Rifiuti lanciati dal finestrino dell'auto, è caccia “al re dei porci”

MessinaToday è in caricamento